Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’evoluzione della cultura: il caso della religione

Da oltre un secolo Charles Robert Darwin ha cambiato l’approccio alla scienza.
In particolar modo ha permesso di spiegare gli eventi parlando per la prima volta di “evoluzione della specie”, la teoria secondo cui ogni organismo presente sulla terra è il frutto di una lunga serie di micro passaggi evolutivi che non seguono una precisa direzione e non hanno finalità alcuna.
Attraverso questa teoria Darwin mette in dubbio la concezione secondo cui tutti gli esseri che abitano la terra sono creati da Dio, un’ammissione del genere, per Darwin stesso, fu una sorta di “omicidio” delle sue vecchie convinzioni poiché in un primo momento lo scienziato inglese non solo era devoto alla fede anglicana, ma intraprese anche la carriera ecclesiastica studiando teologia. Evidentemente, attraverso il percorso religioso, Darwin non era riuscito a saziare la travolgente curiosità intellettiva che lo pervadeva e pertanto, subito dopo la laurea in teologia a Cambridge, aveva deciso di lasciare l’Inghilterra. Era stato durante i suoi lunghi viaggi per mare a bordo di un brigantino della Marina britannica, che si era avvicinato allo studio della biologia – la materia che gli avrebbe permesso, attraverso l’esame di svariati fossili e specie viventi, di gettare le basi per la teoria dell’evoluzione. La teoria dell’evoluzione fu a tutti gli effetti un colpo basso per le istituzioni religiose, poiché era stata confutata la teoria creazionista secondo cui un creatore, Dio, aveva progettato sia il mondo sia i suoi abitanti.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Da oltre un secolo Charles Robert Darwin ha cambiato l’approccio alla scienza. In particolar modo ha permesso di spiegare gli eventi parlando per la prima volta di “evoluzione della specie”, la teoria secondo cui ogni organismo presente sulla terra è il frutto di una lunga serie di micro passaggi evolutivi che non seguono una precisa direzione e non hanno finalità alcuna. Attraverso questa teoria Darwin mette in dubbio la concezione secondo cui tutti gli esseri che abitano la terra sono creati da Dio, un’ammissione del genere, per Darwin stesso, fu una sorta di “omicidio” delle sue vecchie convinzioni poiché in un primo momento lo scienziato inglese non solo era devoto alla fede anglicana, ma intraprese anche la carriera ecclesiastica studiando teologia. Evidentemente, attraverso il percorso religioso, Darwin non era riuscito a saziare la travolgente curiosità intellettiva che lo pervadeva e pertanto, subito dopo la laurea in teologia a Cambridge, aveva deciso di lasciare l’Inghilterra. Era stato durante i suoi lunghi viaggi per mare a bordo di un brigantino della Marina britannica, che si era avvicinato allo studio della biologia – la materia che gli avrebbe permesso, attraverso l’esame di svariati fossili e specie viventi, di gettare le basi per la teoria dell’evoluzione.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Ilaria Ascione Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 856 click dal 11/09/2014.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.