Skip to content

Limes e il conflitto israelo-palestinese

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Risolino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi della Basilicata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Luigi Stanzione
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

Il lavoro di tesi ha avuto come scopo l’analisi e lo sviluppo nel corso degli anni del più “geografico” dei conflitti, ovvero quello tra israeliani e palestinesi.
Per poter esprimere bene il senso del nostro lavoro, dobbiamo prima di tutto chiarire la questione che riguarda l’approccio in questione, ovvero quello della geografia politica.
Oggi è sicuramente cambiato il concetto di geografia politica, perché essa riconosce da un lato le differenze sociali ed economiche fra luoghi senza ascriverle necessariamente a differenze della geografia fisica, dall’altro lato invece la politica abbraccia oggi anche le questioni riguardanti l’identità politica e dei movimenti politici e quindi non solo le questioni tra Stati. Sicuramente più significativo è il fatto che oggi per geografia si intende la selezione e la classificazione di alcuni temi, partendo dalla denominazione dei continenti alla suddivisione del mondo in regioni, arrivando fino alla identificazione di alcune regioni “strategicamente” più o meno importanti. Chi detiene il potere e ha la capacità di comandare gli altri può contribuire a formulare la nozione stessa di geografia politica. Essa rappresenta un insieme di idee politiche e scientifiche e include il rapporto con la scienza politica, ma anche con la sociologia e la psicologia, con le relazioni internazionali. Oggi un gran numero di questioni di interesse pubblico di grande peso e visibilità presenta aspetti profondamente geografici, ed è proprio il caso del nostro lavoro di tesi dal titolo “Limes e il conflitto israelo-palestinese”.
Nel corso del primo capitolo abbiamo cercato di ricostruire le origini del conflitto, cercando di capire quali siano stati i motivi che hanno portato alla guerra tra questi due popolazioni.
La seconda parte invece ricostruisce i primi anni della nascita di Israele, la guerra del Sinai, quella del Kippur, la prima e la seconda Intifada, fino ad arrivare agli accordi internazionali che hanno cercato di risolvere la questione tra Israele e Palestina. Ci riferiamo soprattutto agli accordi di OsloI e Oslo II, passando da quelli di Annapolis, fino ad arrivare al giugno 2008, ovvero a quelli della nascita dell’Unione del Mediterraneo per la pace avvenuta soprattutto grazie al sostegno dell’Unione Europea.
La terza parte della trattazione viene affrontato l’approccio di Limes, la rivista italiana di geopolitica nata subito dopo la caduta del Muro di Berlino e diretta da Lucio Caracciolo, al conflitto con articoli che riguardano gli interessi italiani in Medio Oriente, le idee italiane per la risoluzione del conflitto, ma anche l’impatto della primavera araba sulla questione palestinese, senza dimenticare la paure che include agli israeliani l’ormai quasi ex presidente iraniano Mahmud Ahmdinejad.
Il capitolo successivo della tesi prende in esame Palestina oggi, i vari problemi che questa regione ha dovuto affrontare nel corso degli anni e che affronta ancora oggi. Abbiamo fatto riferimento in questo caso alla questione dei profughi e al loro diritto di poter tornare alle loro terre e alle loro case che hanno dovuto abbandonare nel 1967, alle questioni ambientali come lo sfruttamento dell’acqua o dei giacimenti di gas a Gaza, ma anche a come è cambiato il conflitto nel corso degli anni.
Nell’ultimo capitolo abbiamo voluto affrontare la questione con gli “occhi americani”. Si è cercato di stilare un’analisi dell’operato del presidente Barak Obama, su quello che ha fatto dal giorno della sua elezione e su quello che ancora potrebbe fare.
Dal nostro lavoro emerge, purtroppo, che una pace tra i due popoli sembra essere oggi più lontana di quanto già lo fosse ieri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Il lavoro di tesi ha avuto come scopo l’analisi e lo sviluppo nel corso degli anni del più “geografico” dei conflitti, ovvero quello tra israeliani e palestinesi. Per poter esprimere bene il senso del nostro lavoro, dobbiamo prima di tutto chiarire la questione che riguarda l’approccio in questione, ovvero quello della geografia politica. Oggi è sicuramente cambiato il concetto di geografia politica, perché essa riconosce da un lato le differenze sociali ed economiche fra luoghi senza ascriverle necessariamente a differenze della geografia fisica, dall’altro lato invece la politica abbraccia oggi anche le questioni riguardanti l’identità politica e dei movimenti politici e quindi non solo le questioni tra Stati. Sicuramente più significativo è il fatto che oggi per geografia si intende la selezione e la classificazione di alcuni temi, partendo dalla denominazione dei continenti alla suddivisione del mondo in regioni, arrivando fino alla identificazione di alcune regioni “strategicamente” più o meno importanti. Chi detiene il potere e ha la capacità di comandare gli altri può contribuire a formulare la nozione stessa di geografia politica. Essa rappresenta un insieme di idee politiche e scientifiche e include il rapporto con la scienza politica, ma anche con la sociologia e la psicologia, con le relazioni internazionali. Oggi un gran numero di questioni di interesse pubblico di grande peso e visibilità presenta aspetti profondamente geografici, ed è proprio il caso del nostro lavoro di tesi dal titolo “Limes e il conflitto israelo-palestinese”. Nel corso del primo capitolo abbiamo cercato di ricostruire le origini del conflitto, cercando di capire quali siano stati i motivi che hanno portato alla guerra tra questi due popolazioni. La seconda parte invece ricostruisce i primi anni della nascita di Israele, la guerra del Sinai, quella del Kippur, la prima e la seconda Intifada, fino ad arrivare agli accordi internazionali che hanno cercato di risolvere la questione tra Israele e Palestina. Ci riferiamo soprattutto agli accordi di OsloI e Oslo II, passando da quelli di Annapolis, fino ad arrivare al giugno 2008, ovvero a quelli della nascita

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi