Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il "Governo del Presidente": patologia o fisiologia del parlamentarismo italiano?

La prassi del Capo dello Stato del “Governo del Presidente” rappresenta non una patologia della forma di governo italiana, ma un aspetto fisiologico riconducibile alla generale funzione del Capo dello Stato di rappresentane della “unità nazionale” ex art. 87 Costituzione. Quest'ultima si interpreta nel senso di attività volta a rinsaldare gli organi di indirizzo politico per poi garantire il loro corretto funzionamento nello stato di crisi istituzionale:nello specifico essa attiene al tentativo di compattare l'unità politica della maggioranza di governo. La dimostrazione di quest'assunto è stata effettuata tramite una disamina storica della “prassi” delle varie Presidenze, esaminando nello specifico i frangenti in cui si è determinato un caso di “Governo del Presidente”ed effettuando di conseguenza un raffronto analitico tra la singola fattispecie, ricavata nella prassi, e il sistema politico-istituzionale in cui si è legittimata:infine si è fornita una risposta al quesito impostato nel titolo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La realizzazione di un elaborato sulla prassi del cd. “Governo del Presidente” comporta studiare analiticamente una delle prassi del Capo dello Stato di maggior rilievo istituzionale e mediatico, che ha caratterizzato nel corso della storia repubblicana e degli ultimi anni l'evoluzione della complessa figura del Presidente della Repubblica e più in generale del concreto funzionamento della forma di governo italiana. La prassi in questione ha quindi segnato in modo profondo più nello specifico l'evoluzione della “vita istituzionale” degli organi costituzionali di indirizzo politico. Gli effetti che questa prassi ha avuto sono stati molteplici ed hanno investito gran parte degli istituti costituzionali afferenti alla nostra forma di governo. Obiettivo del presente lavoro è, in primo luogo, tentare di fornire una ricostruzione teorica della prassi in questione e cioè delineare in cosa essa “consiste”, come si è sostanziata e si sostanzia, e cercare di cogliere de facto le implicazioni maggiori che la prassi di cui trattasi ha avuto sulla nostra forma di governo. In secondo luogo, si tenterà di fornire in sede di conclusioni la risposta al quesito di base, enunciato nel titolo del presente elaborato: il cd. “Governo del Presidente” rappresenta una patologia o una fisiologia del parlamentarismo italiano? In base all'obiettivo prefissato in questo quesito(per quanto possa sembrare sul piano linguistico un quesito di semplice fattura) ed al grande rilievo costituzionale dell'argomento, lo studio su di esso deve essere impostato nelle sue linee direttrici sul piano contenutistico e sul piano metodologico, in modo da poter offrire al lettore la giusta comprensione di cosa si discorrerà. A tal fine, è' opportuno in primis configurare la posizione del Presidente della Repubblica quale risulta dalla Costituzione, facendo riferimento ai lavori della Assemblea Costituente; in secundis poi si cercherà di porre in rilievo come da questa particolare disciplina sono scaturiti numerosi effetti in relazione ad alcune prerogative presidenziali, che incidono direttamente sul concreto funzionamento della forma di governo parlamentare. Terminata questa prima disamina, si illustreranno infine le linee direttrici sul piano metodologico, che verranno utilizzate nello svolgimento centrale del presente elaborato in modo da fornire al lettore un'impostazione di base del lavoro il più esauriente possibile. L'approvazione dell'ordine del giorno Perassi il 4 Settembre 1946 ha comportato, come è ben noto, l'adozione di un sistema di forma di governo parlamentare con “dispositivi costituzionali idonei a tutelare le esigenze della stabilità di governo ed evitare le degenerazioni del parlamentarismo” 1 . L'obiettivo dei Costituenti era quello quindi di inquadrare la figura del Capo dello Stato in primis come “garante” del pluralismo politico “parlamentare” derivante dalla dialettica maggioranza- opposizione ed in secundis di inserirlo concretamente nel circuito degli organi di indirizzo politico 1 Cfr. Lavori Assemblea Costituente-Ordine del giorno Perassi 4 Settembre 1946 www.camera.it 5

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianluca Marolda Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1157 click dal 24/09/2014.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.