Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Informazione dal basso e citizen journalism. Il caso No-Tav

L’obiettivo di questa tesi è l'analisi del modo in cui i mezzi di comunicazione, vecchi e nuovi, abbiano trasformato, a seguito di una continua evoluzione tecnologica, il modo di fare e ricevere l’informazione, passando da un modello monodirezionale a un modello bidirezionale, che prevede un grado di interattività tra lettori e giornalisti mai sperimentato.
Si partirà da un'analisi dell'architettura del mondo informativo prima dell'era di Internet, con particolare attenzione al panorama italiano, che presenta caratteristiche uniche e peculiari rispetto al modello giornalistico prevalente, quello neutrale anglosassone.
In seguito si illustrerà come l'avvento di Internet abbia rivoluzionato il modo di fare informazione. Saranno approfonditi in particolare due aspetti problematici dell'informazione sul web: la velocità intrinseca al medium e la relativa mancanza di possibilità nel controllo delle fonti.
Il terzo capitolo analizzerà uno dei fenomeni più interessanti connessi alla rivoluzione introdotta da Internet nel mondo dell'informazione: il giornalismo partecipativo, detto anche giornalismo dal basso, ossia la modalità di giornalismo che prevede la partecipazione attiva dei cittadini.
L'interazione dei cittadini è stata resa possibile dalle tecnologie del Web 2.0, di cui si illustreranno i caratteri principali.
Il citizen journalism ha contorni poco delineati, per cui si cercherà di tracciare una definizione generale, per poi approfondire come esso si realizzi in forme diverse a seconda dello strumento che si utilizza: blog, social network, citizen journal, condivisione di foto e immagini e enciclopedie online.
Infine si presenterà un caso di studio, sulle diverse realizzazioni del citizen journalism, relativo al movimento del No TAV. Si è scelto di analizzare proprio questo movimento perché le informazioni che lo riguardano presentano un alto grado di problematicità rispetto al rischio di censura e controllo da parte del sistema massmediatico e politico.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’obiettivo di questa tesi è l'analisi del modo in cui i mezzi di comunicazione, vecchi e nuovi, abbiano trasformato, a seguito di una continua evoluzione tecnologica, il modo di fare e ricevere l’informazione, passando da un modello monodirezionale a un modello bidirezionale, che prevede un grado di interattività tra lettori e giornalisti mai sperimentato. Si partirà da un'analisi dell'architettura del mondo informativo prima dell'era di Internet, con particolare attenzione al panorama italiano, che presenta caratteristiche uniche e peculiari rispetto al modello giornalistico prevalente, quello neutrale anglosassone. In seguito si illustrerà come l'avvento di Internet abbia rivoluzionato il modo di fare informazione. Saranno approfonditi in particolare due aspetti problematici dell'informazione sul web: la velocità intrinseca al medium e la relativa mancanza di possibilità nel controllo delle fonti. Il terzo capitolo analizzerà uno dei fenomeni più interessanti connessi alla rivoluzione introdotta da Internet nel mondo dell'informazione: il giornalismo partecipativo, detto anche giornalismo dal basso, ossia la modalità di giornalismo che prevede la partecipazione attiva dei cittadini. L'interazione dei cittadini è stata resa possibile dalle tecnologie del Web 2.0, di cui si illustreranno i caratteri principali. Il citizen journalism ha contorni poco delineati, per cui si cercherà di tracciare una definizione generale, per poi approfondire come esso si realizzi in forme diverse a seconda dello strumento che si utilizza: blog, social network, citizen journal, condivisione di foto e immagini e enciclopedie online. Infine si presenterà un caso di studio, sulle diverse realizzazioni del citizen journalism, relativo al movimento del No TAV. Si è scelto di 3

Laurea liv.I

Facoltà: Lingua e Cultura Italiana

Autore: Beatrice Cuniberti Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 474 click dal 30/09/2014.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.