Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I danni punitivi nelle dinamiche familiari

L’obiettivo del mio lavoro è quello di analizzare i rimedi posti a tutela della famiglia, con particolare attenzione alla figura dei danni punitivi. Il primo capitolo propone una trattazione dell’iter attraverso il quale si è giunti all’elaborazione dell’istituto della responsabilità civile nelle relazioni familiari, analizzando altresì i rapporti esistenti tra i meccanismi tipici familiari e la responsabilità civile stessa. Il secondo capitolo è dedicato interamente all’analisi dell’art. 709 ter c.p.c. ed alle questioni giurisprudenziali e dottrinali concer-nenti la sua natura e funzione, tutt’ora rimaste irrisolte. Infine, il terzo capitolo della mia tesi è volto ad evidenziare il quadro giurisprudenziale attuale della figura dei danni punitivi nelle dinamiche familiari.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE. In ragione di un atteggiamento di forte chiusura circa l’ammissibilità della tutela risarcitoria per gli illeciti cagionati da un componente della famiglia, è parso ardito, in passato, l’accostamento dei termini “famiglia” e “responsabilità civile”. Il costume sociale, infatti, portava a ritenere sussistente, in questo luogo privilegiato degli affetti, una sorta di immunità rispet- to agli strumenti propri della responsabilità civile, finalizzata ad evitare le tensioni che si sarebbero potute verificare consentendo l’ingresso ad uno strumento conflittuale, potenziale moltiplicatore dei dissidi. Tutto ciò oltre ad aver causato una scarsa propensione ad agi- re in sede civile, ha determinato, altresì, la moltiplicazione espo- nenziale di maltrattamenti e violenza in famiglia non denunciati. Anche in ambito penalistico, dove non sussisteva immunità alcuna, spesso i reati perpetrati nei confronti di un familiare rima- nevano fenomeno occulto e le querele scarseggiavano a causa del timore di subire ritorsioni in caso di denuncia dell’accaduto e in ra- gione del legame affettivo tra autore e vittima. Alle giustificazioni di ordine socio-psicologico si affiancava- no molteplici impedimenti di natura giuridica all’ammissibilità del- la tutela risarcitoria e a sostegno della tesi “immunitaria”. In osse- quio al tramontato e consolidato indirizzo di pensiero per il quale il

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Valeria Caputo Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 353 click dal 30/09/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.