Skip to content

TEMPO ED EMOZIONE - Fattori biologici ed affettivi nella percezione del tempo

Informazioni tesi

  Autore: Piera Antuono
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università IUAV di Venezia
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Visual Art
  Relatore: Emanuele Arielli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 89

Perché il tempo sembra non passare mai in situazioni di disagio o paura? Perché con l'età la nostra percezione del tempo si dilata? Il tempo è parte integrante e imprescindibile della nostra vita, nella quale l'immersione nel tempo è così radicata da farci dimenticare quanto l'introduzione dell'orologio meccanico sia recente. Dall'inizio dei tempi l'uomo ha tentato di dare una definizione al concetto di tempo, tenendo occupate le più grandi menti dell'umanità. Oltre alla teoria, l'uomo si è interessato alla cattura del tempo, o per meglio dire alla sua misurazione: meridiana, meccanismi ad acqua, etc., fino ad arrivare alla più recente conquista tecnologica in tempi di misurazione temporale, l'orologio atomico.
La tesi entrerà poi nel vivo dell'argomento: la percezione del tempo. Gli aspetti considerati saranno oltre a quelli emotivi della cognizione temporale, anche quelli biologici. Questo lavoro di ricerca vuole indagare la percezione del tempo attraverso la mediazione di una stimolazione emotiva. Nello specifico ho utilizzato degli estratti video, selezionati allo scopo di suscitare specifici stati emozionali, chiedendo ai soggetti intervistati quali fossero le durate temporali di ognuno di questi. L'esperimento si articola attraverso tre gruppi di visioni. La prima visione, "diverse caratteristiche culturali", riguarda la stima temporale passata attraverso il "filtro" della componente culturale. La seconda visione, "forti stati emotivi", è basata sulla generazione di stati emozionali di grande impatto emotivo e quindi sulla valutazione di come questi possano influire sulla stima dello scorrere del tempo. Con l'ultimo gruppo di visione ho voluto ricreare uno stato di "emotività stabile". Seguirà l'esposizione dei dati numerici raccolti. In conclusione oltre alla valutazione generale della parte empirica, ho inserito due piccoli testi che ho scritto cercando di immaginare due situazioni emotivamente opposte, paura e gioia, nelle quali il trascorrere del tempo venisse percepito attraverso la mediazione emozionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.

 4
 Introduzione Perché il tempo sembra non passare mai in situazioni di disagio o paura? Perché con l’età la nostra percezione del tempo si dilata? Per quale motivo quando siamo felici percepiamo lo scorrere del tempo molto velocemente? Quante volte ci è capitato di fare affermazioni tipo “il tempo non passava mai” o al contrario “è volato!”? Sono questioni che affrontiamo tutti i giorni ma alle quali non prestiamo attenzione. Il tempo scandisce il nostro fare quotidiano, siamo terribilmente legati agli orari dei treni, degli autobus, a prendere un dato appuntamento “in orari da ufficio”, a “telefonare ore pasto”, “consegnare entro e non oltre”, “consumare preferibilmente entro”, tanto da non rendercene conto. La nostra immersione nel tempo è talmente radicata, che il suo scorrere così naturale ci fa dimenticare quanto, ad esempio, l’invenzione e l’introduzione dell’orologio meccanico abbia nascita recente. Gli antichi poterono capire in che momento della giornata si trovassero grazie alla prima forma pratica di conteggio del tempo che consisteva in un paletto conficcato nel terreno: la meridiana. Come spesso accade per gli ingegni tecnici, anche la meridiana vantò delle migliorie col passare del tempo appunto, e fu trasferita in luoghi dove poteva essere vista dal maggior numero di persone, piazze e campanili, ed ecco che incontriamo un interesse per il tempo sociale e comune, ben diverso dal tempo personale che vedremo in seguito. La meridiana aveva però un grosso limite, non dava indicazioni senza sole, dunque il passo successivo fu la clessidra, dal greco kléptù (io rubo) ed hydùr (acqua); in origine si trattava di un contenitore a forma di cono da cui fuoriusciva dell’acqua che veniva raccolta in una tinozza sottostante segnata da vari livelli, così a seconda del livello dell’acqua si poteva dedurre in che momento della giornata si fosse. 1 Risale al 1200 l’invenzione dell’orologio meccanico che pare essere stato in Francia su di un 























































 1 I greci impiegavano le clessidre in astronomia per calcolare i diametri apparenti del sole e della luna in base alla misura dei loro tempi di passaggio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi