Skip to content

Le attività bancarie on line

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Oliverio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Gianfranco Graziadei
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 197

Le relazioni tra banca e informatica riflettono una storia ormai quarantennale, lungo un percorso che ha visto in costante incremento il ruolo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) sia nei processi interni sia nelle relazioni con la clientela. L’attività bancaria e i suoi prodotti immateriali si fondano sull’acquisizione, l’elaborazione e la disseminazione di informazioni. Come tali, costituiscono un terreno privilegiato per le applicazioni dell’ICT, la cui funzione principale è quella di ridurre drasticamente i tempi, annullando gli spazi, e di abbattere i costi dello scambio informativo. La banca virtuale simulando, nello spazio e nel tempo, attraverso l’uso della ICT, obiettivi e comportamenti della banca tradizionale, permette l’accesso a prodotti e servizi bancari che non implicano un rapporto fisico diretto fra personale e cliente. I suoi canali di distribuzione sono dematerializzati; tra questi internet è il più importante e offre le soluzioni più avanzate di banca virtuale, ponendo la banca on line come competitor e non come simbionte del modello tradizionale.
Per la clientela i vantaggi nel ricorrere a internet anzichè alla filiale sono anzitutto di natura non monetaria: la possibilità di evitare le code, di risparmiare tempo nell’effettuare le operazioni e di ottenere le informazioni più tempestivamente e senza limiti d’orario. I benefici monetari consistono, invece, nella riduzione delle commissioni applicate dall’intermediario finanziario alle transazioni eseguite telematicamente, anziché allo sportello. Con l’e-banking, infatti, i potenziali clienti possono consultare un numero ragguardevole di siti e raccogliere, in tempi e a costi molto contenuti, elevate quantità di informazioni sull’offerta di servizi, facilitando il confronto fra i diversi intermediari e attivando un meccanismo concorrenziale che permette, da un lato l’abbassamento dei tassi e delle altre condizioni economiche applicate, e dall’altro l’adozione, da parte degli istituti di credito, di comportamenti più corretti nei confronti della clientela.
Se è vero che l’impiego del canale internet assicura un’economia dei costi in virtù della completa automazione dei processi, esso comunque non deve essere adoperato dal mondo bancario come semplice leva per abbattere i costi di distribuzione. Il beneficio è nullo o addirittura negativo se a questa diminuzione non segue una riallocazione delle risorse liberate a favore di una maggiore qualità nelle fasi produttive e gestionali dei servizi finanziari, a vantaggio sia della banca sia del cliente. Se i servizi offerti non evolveranno assumendo una connotazione di maggiore valore, la tecnologia internet potrebbe aumentare il rischio di disintermediazione a favore di concorrenti stranieri e di soggetti non bancari. Fino ad oggi, le aziende di credito hanno mantenuto il controllo dei canali distributivi dei loro prodotti al fine di evitare l’irruzione di altri concorrenti nella catena del valore della propria attività. Internet, però, essendo una rete aperta, a basso costo e ad alto potenziale di penetrazione, infrange le barriere costituite dagli sportelli e permette l’ingresso a competitori che non fanno parte del sistema. Già oggi è largamente presente il fenomeno delle quasi banche, soggetti che istituzionalmente operano molto vicino al contesto bancario (Visa, American Express); ma il pericolo maggiore potrebbe venire dalle grandi imprese non bancarie, che grazie agli elevati volumi di affari potranno avere l’interesse a gestire direttamente i valori monetari transati con i loro clienti.
Da parte sua, però, il mondo bancario possiede tutte le risorse per fronteggiare questa irruzione che mette in discussione la sua leadership nell’intermediazione. Il settore creditizio ben si adatta, infatti, all’e-commerce, dove i beni sono dematerializzati e dove la diffusione delle informazioni è non solo tempestiva, ma raggiunge contemporaneamente anche un elevato numero di soggetti. Esso apre nuove frontiere all’e-banking, che vanno ben al di là della distribuzione telematica di prodotti bancari alla clientela. Gli istituti di credito possono ben sfruttare il proprio bagaglio informativo e mettere in contatto il maggior numero di aziende e consumatori, avvalorando il proprio ruolo di intermediario, offrire una serie di servizi accessori (acquisizione e gestione degli ordini, sicurezza delle transazioni, finanziamento agli utenti ecc.) e soprattutto porsi come ente abilitante i pagamenti.
Il commercio elettronico, però, non potrebbe esistere senza un sistema di pagamenti sicuro, affidabile, semplice da utilizzare e accettato largamente dagli operatori. Le banche sono in una posizione ideale per presidiare questo settore da esse tradizionalmente gestito grazie al loro radicamento sul territorio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE L’avvento delle nuove tecnologie dell’informazione e della telecomunicazione (ICT) e l’evoluzione verso un mercato sempre più integrato hanno determinato un importante cambiamento delle relazioni economiche. Afferma Antonio Fazio: “la new economy non è un aumento della produzione di prodotti informatici, ma l’applicazione di questa tecnologia alla produzione tradizionale, dall’abbigliamento all’agricoltura, alla meccanica, ai servizi ecc. La new economy si realizza attraverso un’applicazione diffusa e pervasiva dell’informatica in tutto il sistema” 1 . Profonde trasformazioni hanno toccato anche il settore finanziario, perché la sua attività e l’immaterialità dei suoi prodotti, che si fondano sull’acquisizione, l’elaborazione e la disseminazione di informazioni, costituiscono un terreno privilegiato per le applicazioni dell’ICT, la cui funzione principale è quella di ridurre drasticamente i tempi, annullando gli spazi, e di abbattere i costi dello scambio informativo. Internet sta, in particolare, generando una profonda trasformazione del mondo bancario: la rete porta a uno stravolgimento delle strategie di offerta, inducendo una drastica riduzione delle barriere, e ad una forte integrazione tra i canali distributivi. Numerosi e rilevanti sono i benefici e le opportunità per le banche che decidono di svolgere le loro attività on line, in termini di riduzione dei costi di transazione, di offerta di servizi e di prodotti più rispondenti alle esigenze

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi