Skip to content

Relazioni recluse: Madre e bambino in carcere

Informazioni tesi

  Autore: Nicoletta Nicastro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Carla Candelori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

Nel mio progetto di tesi ho affrontato il tema della maternità in carcere, con particolare attenzione agli stili di attaccamento che possono manifestarsi in una relazione diadica ambientata in una struttura così particolare come quella detentiva.
Per delineare un percorso che porti ad una migliore comprensione del tema trattato ho messo in evidenza nella prima parte l'importanza del rapporto materno con la propria prole facendo soprattutto riferimento ai contributi della psicoanalisi e della psicologia dinamica, come quelli di Bowlby, Main, Winnicott, Stern, e Bion.
Ho preso in esame gli studi di Biondi (1994) sullo sviluppo del bambino in carcere e alcune ricerche svolte in questo campo, per mettere in luce come le condizioni dell’ambiente penitenziario possono ripercuotersi sullo sviluppo cognitivo, sociale e motorio del bambino. Inoltre, ho posto l’attenzione sui vissuti dolorosi materni, che possono sfociare in un vero e proprio quadro psicopatologico, definito da Clemmer (1941) come Sindrome di Prisonizzazione.
In tale contesto il ruolo dello Psicologo è molto importante. Un supporto psicologico è fondamentale per il sostegno e il riequilibrio della relazione tra madre e bambino in carcere. L'intervento psicologico e dei volontari risulta importante per attenuare le ripercussioni che l'ambiente detentivo può avere sullo sviluppo cognitivo e fisico del bambino.
Con l'intento di approfondire e dare un contributo personale, nel lavoro è stata inserita una seconda parte, riguardante il resoconto di una mia personale esperienza effettuata in alcune strutture detentive femminili presenti in Italia. Per lo svolgimento di questa analisi ho utilizzato come strumento un colloquio clinico guidato, appositamente costruito. Tale colloquio è strutturato in modo da indagare diverse aree tra cui l'ingresso in carcere, l'esperienza della maternità, gli aspetti riguardanti il bambino, la relazione tra madre e figlio, gli stati emotivi materni ed infine una breve indagine sulle esperienze extracarcerarie effettuate dalla detenuta.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE “Non fatemi vedere i vostri palazzi ma le vostre carceri, poiché è da esse che si misura il grado di civiltà di una nazione” Voltaire Nel presente lavoro affronterò il tema della maternità in carcere, con particolare attenzione agli stili di attaccamento che possono svilupparsi in una relazione diadica ambientata in una struttura così particolare come quella detentiva. La relazione tra madre e bambino nel contesto penitenziario è un argomento, sia nel panorama nazionale che in quello internazionale, poco studiato ma molto dibattuto sia a livello sociale che legislativo, e che dunque a mio avviso rappresenta un importante oggetto di studio e di osservazione per la psicologia, e più in generale per tutti i professionisti della cura e di coloro che operano nell’ambito delle relazioni d’aiuto. Per delineare un percorso che porti ad una migliore comprensione del tema trattato, metterò in evidenza nella prima parte l’importanza del rapporto materno con la propria prole, facendo soprattutto riferimento agli importanti contributi della psicoanalisi e della psicologia dinamica. In modo particolare, prenderò in considerazione gli studi sull’attaccamento materno di Bowlby (1969), che ha sottolineato l’importanza della relazione tra madre e bambino, individuandone tre principali stili: l’attaccamento sicuro, l’attaccamento insicuro/evitante, e l’attaccamento ansioso/ambivalente. A questi stili, si aggiunge un quarto individuato da Mary Main e Judith Solomon (1986) attraverso la Strange Situation, ed è l’attaccamento disorientato/disorganizzato. Sulle orme di questi contributi vedremo come in carcere tende a svilupparsi uno stile di attaccamento particolarmente simbiotico, caratteristico della relazione tra madre e bambino nel contesto detentivo. Inoltre, facendo riferimento agli studi di Shore (2001) e al suo modello psiconeurobiologico dell’attaccamento, vedremo che la maturazione del cervello può dipendere anche dalle esperienze affettive nella diade madre-bambino.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bambini in carcere
maternità in carcere
attaccamento materno in carcere
relazioni recluse
mamma e bambino in carcere
attaccamento simbiotico
colloquio sulla maternità in carcere

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi