Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Street Art: Banksy, comunicatore sociale e “terrorista” dell’arte

Tra i fenomeni più importanti e significativi dell’arte contemporanea non si può non segnalare quella scena artistica che viene comunemente definita con l’espressione Street Art: forma di comunicazione sempre più presente nell’ambiente sociale, basterà alzare la testa mentre si cammina per strada per rendersi conto che non siamo più soli. Gli angoli e i muri si riempiono di figure interessanti pronte a rubare la nostra attenzione anche solo per un attimo. Con la Street Art l'arte scende in strada trasformando gli angoli della quotidianità in beni comuni; la strada è viva, la vetrina a cielo aperto della socialità, il luogo dove tutto accade.
Nella prima parte del lavoro vengono analizzati i fattori che hanno portato all’emersione del fenomeno artistico della Street Art, “proiettandola” dai ghetti ai musei, sino ad essere ufficializzata come una vera e propria forma d’arte. L’attenzione è rivolta alle forme artistiche da cui è stata fortemente influenzata, il suo rapporto col mondo dell’arte, del mercato, col network e non da meno il controverso rapporto coi comuni, dando anche un’inquadratura del panorama nazionale della Street Art e del suo maggior esponente, Blu.
In particolare viene esaminato il lavoro di Banksy, l’artista che rappresenta al meglio questa nuova forma artistica: uomo invisibile, personaggio senza volto ne storia che volontariamente, lontano dalle luci della ribalta, riesce a stupire ogni volta con una guerrilla art unica.
Dalla grigia Inghilterra è partito alla conquista del mondo comunicando messaggi pacifisti, antirazzisti e soprattutto anticapitalisti. I suoi lavori si basano su illustrazioni satiriche che toccano tematiche sociali, politiche e culturali. Messaggi contro la guerra, contro il sistema capitalistico, la corruzione delle istituzioni, la globalizzazione, il consumismo, il militarismo.
Così un atto “vandalico” si trasforma in messaggio sociale, diffuso, dissacrante, penetrante. Il re dei graffiti diventa il pioniere in difesa dei diritti umani, a favore della pace e dell’uguaglianza.

Nella seconda parte del lavoro si discute, dunque, di questo noto artista affascinante ed enigmatico che nell’ultimo decennio è riuscito a trasformare la Street Art in una forma d’arte legittimata e apprezzata dai più importanti collezionisti al mondo.
Senza dubbio un grande comunicatore, uno di quelli che, con un’ironia affilata da una grande intelligenza, riesce a far comprendere il proprio messaggio grazie a poche linee di vernice.
Banksy propone una nuova forma di comunicazione politica e sociale in grado di attirare l’attenzione e di essere ricordata a lungo: la sua è una comunicazione persuasoria senza finalità commerciali, è pubblicità senza scopi di profitto.
L’artista si assicura che i suoi messaggi abbiano un forte impatto. Il suo ruolo primario è infatti quello educativo: egli tenta di aumentare il livello di consapevolezza e conoscenza dei cittadini riguardo a temi e problematiche generali; la sua comunicazione sociale tenta di produrre un cambiamento nel comportamento delle persone tramite i messaggi che vengono veicolati. Il cittadino è così chiamato a riflettere, a prendere coscienza del mondo in cui vive.
La gente lo capisce: piace a una vasta gamma di persone e non serve sapere niente di particolare per comprenderlo. Il lavoro di Banksy risulta così più facile per il pubblico rispetto a quello di tanti suoi contemporanei, e in questo modo è riuscito ad avvicinare al mondo dell’arte tutto un nuovo pubblico.

Infine nel terzo ed ultimo capitolo vengono trattate e discusse le principali opere dell’artista, con particolare attenzione ai suoi toccanti lavori realizzati sulla mastodontica muraglia che il governo israeliano ha innalzato attorno ai territori palestinesi: su questo confine di cemento Banksy trasforma la Palestina nella più grande “prigione a cielo aperto”: opere che rimandano alla speranza, alla libertà, alla voglia di evadere e di disobbedire.
Viene di conseguenza paragonato il muro palestinese a quello di Berlino: il muro diventa così un medium ed oggetto di una strategia comunicativa specifica, un mezzo di comunicazione innovativo per la comunicazione.

Oggi Banksy è visto non soltanto come il vertice del movimento della Street Art ma dell’arte contemporanea tout cort. Per milioni di persone Banksy è l’accesso necessario non solo per vedere l’arte in modo nuovo, ma anche per accettarla come parte della vita quotidiana.
Banksy ha ridefinito, praticamente da solo, il concetto di arte agli occhi di molta gente che probabilmente non aveva mai pensato, fino a quel momento, di poterla apprezzare.

Come da Banksy stesso affermato, “Il modo più veloce per arrivare in alto in quello che stai facendo è di metterlo sottosopra”. Banksy è stato geniale proprio in questo: è riuscito a mettere l’arte sottosopra, a stravolgerla!

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE E' difficile immaginare un mondo senza arte, eppure molte persone rimangono senza argomenti alla domanda "a cosa serve l'arte?". Se si riuscissero a definire quali funzioni l'arte compie per la società potrebbe essere più chiaro anche il ruolo dell'artista all'interno di una collettività. Principalmente l'arte è comunicazione: nessun artista dipinge un quadro che non intende far vedere; per agire come forma di comunicazione deve avere qualcosa da dire. E tra i fenomeni più importanti e significativi dell’arte contemporanea non si può non segnalare quella scena artistica che viene comunemente definita con l’espressione Street Art. La Street Art è infatti una forma di comunicazione sempre più presente nell’ambiente sociale. Basterà alzare la testa al cielo mentre si cammina per strada per rendersi conto che non siamo più soli. Gli angoli e i muri si riempiono di figure interessanti pronte a rubare la nostra attenzione anche solo per un attimo. Ci sono scritte, slogan, stencil, poster, stickers che ci seguono ovunque. Stanno cercando di dirci qualcosa? Cosa sta succedendo? Con la Street Art l'arte scende in strada trasformando gli angoli della quotidianità in beni comuni dal tono familiare e accattivante. Le città si trasformano in vetrine dalle possibilità illimitate. La strada è viva. La strada è il luogo delle possibilità, la vetrina a cielo aperto della socialità, il luogo dove tutto accade. Street Art vista come il paradigma della società moderna: viviamo in un tempo in cui, a causa della mancanza di denaro, la vera risorsa sono le idee. La street art muove sentimenti con poche risorse, ruba l'attenzione in cambio di un sorriso. Si

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandro Masucci Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11403 click dal 13/10/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.