Skip to content

L’insurrezione partigiana di Santa Libera (Agosto 1946) e il difficile passaggio dal fascismo alla democrazia

Informazioni tesi

  Autore: Alice Diacono
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere
  Relatore: Gianfranco Tortorelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

Nel 1945 il “Vento del Nord” sembra soffiare impetuoso a spazzare via il vecchio. Soffocherà in fretta. Subito dopo i giorni della febbrile esaltazione del 25 aprile, inizia un periodo inquieto di instabilità, speranze deluse, ideali traditi, inquietudini e violenza: un’Italia oggettivamente divisa in due politicamente, culturalmente e psicologicamente, da una guerra che passò dall’essere di tipo internazionale- coalizionale” ad un tipo di conflitto sub frazionato con caratteri di guerra civile1 . Togliatti, che teoricamente dovrebbe capeggiare l’ala radicale dell’antifascismo, ha invece già impostato, con la famosa “Svolta di Salerno”, una politica compromissoria con il vecchio, non solo realizzando une tregua istituzionale con la Monarchia ma garantendo la sostanziale intaccabilità della casta burocratica e militare che non verrà mai smantellata2. Sul piano politico, il compromesso fra vecchio e nuovo è cosa fatta: il C.L.N., lungi dall’essere (come vorrebbero i partigiani), espressione di un potere nuovo, è invece luogo di mediazione tra interessi contrastanti. In esso prevale, in nome del realismo, la difesa dei privilegi dei ceti egemonici.3 In questo clima generale, tra il 20 e il 27 agosto 1946 un gruppo di giovani partigiani di Asti, amareggiati per il provvedimento di amnistia che rimette in libertà i fascisti e per l’inadempienza del governo De Gasperi nei confronti delle rivendicazioni economiche dei partigiani riprende in mano le armi e dà vita ad una vera e propria insurrezione a Santa Libera, una frazione di Santo Stefano Belbo (CN). Da quell’insurrezione prendono esempio migliaia di partigiani che in gran parte dell’Italia settentrionale danno vita ad agitazioni simili. Il ritorno alla macchia è stata una prospettiva più volte vagheggiata dal partigianato nei momenti di difficoltà ed essa dilaga proprio in seguito all’iniziale determinazione di quel gruppo di partigiani astigiani. La vicenda di Santa Libera è dunque degna di interesse da un punto di vista storico: essa è l’emblema del malcontento che negli anni immediatamente successivi alla liberazione caratterizza moltissimi partigiani, evidentemente delusi nelle loro aspettative di cambiamento sociale e politico radicale che li avevano spinti alla lotta qualche anno prima. Allo stesso tempo, la vicenda di Santa Libera fotografa il clima teso che caratterizza l’Italia di quegli anni, impegnata nel difficilissimo passaggio dal fascismo alla democrazia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Nel 1945 il “Vento del Nord” sembra soffiare impetuoso a spazzare via il vecchio. Soffocherà in fretta. Subito dopo i giorni della febbrile esaltazione del 25 aprile, inizia un periodo inquieto di instabilità, speranze deluse, ideali traditi, inquietudini e violenza: un’Italia oggettivamente divisa in due politicamente, culturalmente e psicologicamente, da una guerra che passò dall’essere di tipo internazionale- coalizionale” ad un tipo di conflitto sub frazionato con caratteri di guerra civile 1 . Togliatti, che teoricamente dovrebbe capeggiare l’ala radicale dell’antifascismo, ha invece già impostato, con la famosa “Svolta di Salerno”, una politica compromissoria con il vecchio, non solo realizzando une tregua istituzionale con la Monarchia ma garantendo la sostanziale intaccabilità della casta burocratica e militare che non verrà mai smantellata 2 . Sul piano politico, il compromesso fra vecchio e nuovo è cosa fatta: il C.L.N., lungi dall’essere (come vorrebbero i partigiani), espressione di un potere nuovo, è invece luogo di mediazione tra interessi contrastanti. In esso prevale, in nome del realismo, la difesa dei privilegi dei ceti egemonici. 3 In questo clima generale, tra il 20 e il 27 agosto 1946 un gruppo di giovani partigiani di Asti, amareggiati per il provvedimento di amnistia che rimette in libertà i fascisti e per l’inadempienza del governo De Gasperi nei confronti delle rivendicazioni economiche dei partigiani riprende in mano le armi e dà vita ad una vera e propria insurrezione a Santa Libera, una frazione di Santo Stefano Belbo (CN). Da quell’insurrezione prendono esempio migliaia di partigiani che in gran parte dell’Italia settentrionale danno vita ad agitazioni simili. Il ritorno alla macchia è 1 M. Dondi, La lunga liberazione, Editori Riuniti, Roma 1999, p. 9 2 Roberto Gremmo, L’ultima Resistenza,, Edizioni ELF Biella 1995, p.3 3 Ibidem, p.4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

resistenza
partigiano
asti
santa libera
giovanni gerbi
rivolta armata
808

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi