Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fondo patrimoniale e il trust nella crisi coniugale

Confronto tra fondo patrimoniale e trust nell'ambito della crisi coniugale, al fine di comprendere quale tra i due strumenti di protezione patrimoniale sia più adeguato e soddisfacente in un contesto problematico quale quello della crisi tra coniugi.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Nel corso dell’ultimo decennio si è assistito al fenomeno sempre più crescente di situazioni di crisi coniugale. Dati di fonte Istat evidenziano che nel solo 2011 le separazioni sono state 88.797 e i divorzi 53.806, con un incremento rispetto all’anno 2000 di circa il 70%. Del pari è cresciuto il contenzioso giudiziario, anche per le difficoltà dei coniugi di raggiungere un accordo sulle questioni più complesse, specie con riguardo agli aspetti legati alla protezione del patrimonio. Scopo di questa tesi di laurea è di analizzare l’utilizzo dei vari strumenti di protezione del patrimonio familiare nelle crisi coniugali, attraverso la comprensione delle loro caratteristiche e problematiche, oltre che delle modalità in cui si manifestano e gli effetti che comportano. Lo studio è stato attuato attraverso il confronto tra il fondo patrimoniale, classico istituto previsto dall’ordinamento italiano, e il trust, diffuso nei paesi anglosassoni, evidenziando vantaggi e svantaggi ai fini dell’individuazione di quale, tra questi, possa essere maggiormente utile ed adeguato. Il lavoro è diviso in tre capitoli che dovrebbero dare al lettore un’idea complessiva della tematica. Nel primo e nel secondo capitolo si è analizzato singolarmente, rispettivamente il fondo patrimoniale ed il trust. Nel terzo capitolo sono riportate personali conclusioni, favorevoli all’utilizzo del trust per semplificare i rapporti patrimoniali tra ex coniugi. Nell’ambito delle cause di separazione giudiziale, uno dei problemi di maggior rilievo concerne la necessità di scioglimento del regime di comunione legale dei beni e la loro divisione ed assegnazione. Nel nostro Paese, il regime legale (ex. artt. 177 ss. del codice civile) che si instaura automaticamente con il matrimonio, a seguito della riforma del diritto di famiglia del 1975, è quello della “comunione legale” che attribuisce ai coniugi uguali poteri di cogestione ed uguali diritti sugli acquisti. In sostanza, esso può considerarsi come un sistema di

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Angela Boccuzzi Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1541 click dal 24/10/2014.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.