Skip to content

Ambivalenze tarchettiane. L'amore, l'arte e la scissione dell'io nei ''Racconti Fantastici''

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Del Signore
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Andrea Gialloreto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 216

L'opera tarchettiana è di sorprendente attualità non solo per la tematica amorosa ma per l'espediente del fantastico utilizzato per investigare sull'io e comprendere i fantasmi interiori che angosciano l'esistenza umana. Il fantastico tarchettiano si propone di spiegare la realtà spingendoci a guardare oltre l'aspetto fenomenico delle cose in una ricerca assidua dell'aspetto metafisico, dei cosiddetti mostri della ragione troppo spesso rimossi in nome dell' "assurda" razionalità". Attraverso la dimensione fantastica Tarchetti analizza il tema dell'amore, dell'arte e della scissione dell'io.
Il tema dell'amore è strettamente correlato al problema edipico e al narcisismo. La stasi alla fase fusionale materna impedisce il principium individuationis attraverso il quale l'individuo si scinde dalla propria madre riconoscendosi come entità autonoma e distinta. Il mancato superamento di questo stadio non permette un'adeguata maturazione sessuale e psicologica per cui l'individuo cerca continuamente la madre in ogni persona che lo circonda oppure colui con il quale si relaziona viene visto come un elemento Altro da sé che può minare la propria stabilità e può portare all'annullamento. Il rapporto amoroso diviene malato, fragile e impossibile. In quest'ottica la donna diventa una creatura malefica, portatrice di distruzione e morte. Il connubio Eros e Thanatos viene proposto da Tarchetti in più di un racconto: Bouvard, Riccardo Waitzen, La leggenda del castello nero, Fosca.
Secondo tema fondamentale è l'arte, interpretata come viaggio nell'interiorità che restituisce all'uomo la sua interezza perduta e risana la frattura fra reale e immaginario. L'arte è presa di coscienza dell'assurdo e del mistero che caratterizzano la condizione umana. I Racconti fantastici di Tarchetti sono finalizzati a produrre un turbamento nel lettore. Sotto l'apparenza familiare delle cose si cela un volto sconosciuto ed estraneo che evoca misteriose angosce sepolte in fondo alla memoria. Nella trilogia "L'amore nell'arte" di Tarchetti i protagonisti subiscono una depersonalizzazione, perdono il contatto con la realtà inseguendo un concetto dell'amore puro e spirituale che non può essere vissuto sulla terra, ma solo in una dimensione metafisica e ultraterrena.
La tematica della scissione dell'io viene presentata da Tarchetti come sdoppiamento tra conscio e inconscio. L'individuo non riesce più a percepire la propria identità, si sente scisso in due personalità opposte: le pulsioni libidiche, le paure e l'aggressività vogliono prendere il sopravvento sulla coscienza, ciò avviene non solo nella dimensione del sogno ma anche nello stato di veglia, per cui l'individuo vive una specie di sogno ad occhi aperti, una visione allucinata che interpreta come vera e propria follia. Questa è la frantumazione dell'io e la perdita dell'identità vissuta dai personaggi tarchettiani.
In conclusione Tarchetti coglie a pieno il sentimento di paura, angoscia e nevrosi dell'uomo contemporaneo, ci aiuta ad investigare su noi stessi, ad analizzare i dubbi interiori scandagliando l'inesorabile inconscio. Il connubio tra il fantastico e il reale rende le opere tarchettiane imprevedibili ed avvincenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione “Cogito ergo sum: penso dunque sono”. Cartesio padre del razionalismo riconosceva nel dubbio la fonte primaria dell’investigazione quale capace di conferire alla ragione non un potere assoluto, quanto una forza che incita alla ricerca del vero. Dubitare su di noi e sul mondo circostante è ciò che ci permette di dare risposte sensate a quesiti spesso sconosciuti ed insoluti. Per Tarchetti “il dubbio è la rivelazione della scienza –essa lo cerca immolandogli ogni fede- poiché una sola fede esiste, quella del dubbio 1 ”. Il dubbio come possibilità di apertura all’immaginazione, al fantastico nel suo senso originario di “phantastikós”, ciò che è reso visibile, visionario o irreale. Il “modo” 2 fantastico come irruzione di elementi ignoti o perturbanti nell’universo noto del quotidiano, si presenta proprio in pieno clima positivista-scientifico, lo stesso che fino ad allora aveva creduto nella capacità della scienza di poter spiegare qualsiasi tipo di fenomeno 3 . Tuttavia le ragioni del cuore e dello spirito continuano a turbare l’animo umano che, malgrado i progressi scientifici, non sa dare ancora delle risposte a fenomeni definiti come soprannaturali e non sa spiegarsi quale sia la sede dell’anima non avendola “trovata” nel cuore 4 . 1 I. U. Tarchetti, Riccardo Waitzen, in I. U. Tarchetti, L’amore nell’arte. Racconti musicali, Passigli, Firenze, 1992, p. 48. 2 Su “modo” fantastico cfr. Remo Ceserani, Il fantastico, Mulino, Bologna, 1996, p. 11. 3 Sul dualismo scienza-fantastico valido il saggio di Leonardo Lattarulo, “Antica storia narra così”. Considerazioni sul fantastico italiano ottocentesco, in Geografia, storia e poetiche del fantastico, a cura di M. Farnetti, Olschki, Firenze, 1995, in cui cita Boito in Lezione di anatomia: “Scienza, vattene/ co’ tuoi conforti!/ Ridammi i mondi/del sogno e l’anima”p. 128. 4 Per i greci il cuore era la sede dell’anima (Platone riconosceva tre tipi di anime: sensitiva, vegetativa e razionale), per Aristotele invece il cuore era sede dell’intelletto. Cartesio parlava di dualismo di anima e corpo (res cogitans e res

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

inconscio
fantastico
amore
scapigliatura
perturbante
donna vampiro
unheimliche freudiano
esitazione di todorov
eros e thanatos
scissione dell'io

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi