Skip to content

Disabilità: un limite anche per la clinica?

Informazioni tesi

  Autore: Laura Tavano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia Clinica
  Relatore: Roberto Cerabolini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

L'oggetto di questo lavoro è presentare la condizione esistenziale del disabile intellettivo con particolare riferimento alla sua condizione di vulnerabilità al disturbo mentale evidenziandone nel contempo i riflessi di rilievo clinico che in ambito psicopatologico vengono definiti con il termine "Doppia Diagnosi".
Benché gli studi epidemiologici hanno rilevato che, nelle persone con d.i., i disturbi di ordine psichiatrico si verificano con un tasso quattro volte superiore rispetto al resto della popolazione, queste persone hanno una minore possibilità di ricevere un trattamento adeguato e quindi spesso l'unico intervento loro riservato è quello farmacologico, dal momento che i loro problemi emotivi tendono ad essere attribuiti al ritardo mentale anziché a una condizione ben più complessa che riguarda la loro vulnerabilità psicologica e sociale. Si è cercato di dare ampio spazio al concetto di vulnerabilità facendo riferimento sia alla teoria dell'attaccamento, sia al conflitto fondamentale che sperimenta il disabile: quello tra desiderio e incapacità, conflitto dal quale si generano vissuti emotivi soverchianti, non comprensibili e non padroneggiabili.
Si è cercato di articolare il presente lavoro su più linee mutuamente intersecantesi: da una parte si sono descritti i fattori di rischio psicologici e sociali alla condizione di doppia diagnosi e indicato le principali caratteristiche psicopatologiche del d.i., dall'altra si è orientata la ricerca sugli interventi terapeutici proposti dalla letteratura specialistica. A questo proposito il mio studio ha rilevato che, allo stato attuale, l'approccio terapeutico rimane un'area marginale e di scarso interesse per la clinica, nonostante siano stati condotti studi e riportato esperienze che hanno dimostrato l'efficacia della psicoterapia ad orientamento psicodinamico, in particolare di gruppo o familiare, nei casi di ritardo lieve e medio. In particolare, un progetto che si prenda cura sia dei bisogni legati ad una condizione di disabilità, sia dei bisogni emotivi delle persone coinvolte, accogliendo la loro sofferenza e restituendo loro ascolto, riconoscimento, sostegno, è, di per sé, un progetto terapeutico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L’oggetto di questo lavoro è presentare la condizione esistenziale del disabile intellettivo con particolare riferimento alla sua condizione di vulnerabilità al Disturbo mentale evidenziandone nel contempo i riflessi di rilievo clinico che in ambito psicopatologico vengono definiti con il termine “Doppia Diagnosi”, termine che indica la contemporanea presenza di un deficit cognitivo e di un disturbo mentale. Secondo la psichiatria descrittiva, rappresentata dal DSM IV, si intende la presenza di un disturbo sia sull’Asse I che sull’Asse II. La condizione esistenziale del disabile si può descrivere come fragile e vulnerabile fin dalla nascita: la sfida principale delle persone con deficit cognitivo è rappresentata infatti dalla loro stessa esistenza segnata fin dall’inizio da relazioni e da eventi che sono potenzialmente traumatici. Non è facile per i genitori rendersi conto prima ed accettare poi che il loro figlio sia così diverso da quello che si erano rappresentati: è un bimbo imperfetto con il quale fanno fatica fin dall’inizio a relazionarsi. La scoperta della menomazione darà luogo nei genitori ad un lutto che richiederà molto tempo per essere elaborato. Nel frattempo, il bambino sperimenta una relazione in cui i suoi bisogni di rispecchiamento, di vicinanza e amore non vengono riconosciuti, facendo così esperienza di una relazione rifiutante e quindi traumatica. Stanghellini (2009) annovera tra i vari dispositivi di vulnerabilità anche il trauma relazionale, cioè il mancato riconoscimento dei bisogni di vicinanza e amore, la mancata conferma del diritto di esistere; in una parola è traumatica l’assenza. Assenza che può essere concepita anche come mancanza del desiderio dell’Altro. Secondo Lacan, lo statuto di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

doppia diagnosi
disabilità intellettiva e psicoterapia
ritardo mentale e psicoterapia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi