Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Disabilità: un limite anche per la clinica?

L'oggetto di questo lavoro è presentare la condizione esistenziale del disabile intellettivo con particolare riferimento alla sua condizione di vulnerabilità al disturbo mentale evidenziandone nel contempo i riflessi di rilievo clinico che in ambito psicopatologico vengono definiti con il termine "Doppia Diagnosi".
Benché gli studi epidemiologici hanno rilevato che, nelle persone con d.i., i disturbi di ordine psichiatrico si verificano con un tasso quattro volte superiore rispetto al resto della popolazione, queste persone hanno una minore possibilità di ricevere un trattamento adeguato e quindi spesso l'unico intervento loro riservato è quello farmacologico, dal momento che i loro problemi emotivi tendono ad essere attribuiti al ritardo mentale anziché a una condizione ben più complessa che riguarda la loro vulnerabilità psicologica e sociale. Si è cercato di dare ampio spazio al concetto di vulnerabilità facendo riferimento sia alla teoria dell'attaccamento, sia al conflitto fondamentale che sperimenta il disabile: quello tra desiderio e incapacità, conflitto dal quale si generano vissuti emotivi soverchianti, non comprensibili e non padroneggiabili.
Si è cercato di articolare il presente lavoro su più linee mutuamente intersecantesi: da una parte si sono descritti i fattori di rischio psicologici e sociali alla condizione di doppia diagnosi e indicato le principali caratteristiche psicopatologiche del d.i., dall'altra si è orientata la ricerca sugli interventi terapeutici proposti dalla letteratura specialistica. A questo proposito il mio studio ha rilevato che, allo stato attuale, l'approccio terapeutico rimane un'area marginale e di scarso interesse per la clinica, nonostante siano stati condotti studi e riportato esperienze che hanno dimostrato l'efficacia della psicoterapia ad orientamento psicodinamico, in particolare di gruppo o familiare, nei casi di ritardo lieve e medio. In particolare, un progetto che si prenda cura sia dei bisogni legati ad una condizione di disabilità, sia dei bisogni emotivi delle persone coinvolte, accogliendo la loro sofferenza e restituendo loro ascolto, riconoscimento, sostegno, è, di per sé, un progetto terapeutico.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L’oggetto di questo lavoro è presentare la condizione esistenziale del disabile intellettivo con particolare riferimento alla sua condizione di vulnerabilità al Disturbo mentale evidenziandone nel contempo i riflessi di rilievo clinico che in ambito psicopatologico vengono definiti con il termine “Doppia Diagnosi”, termine che indica la contemporanea presenza di un deficit cognitivo e di un disturbo mentale. Secondo la psichiatria descrittiva, rappresentata dal DSM IV, si intende la presenza di un disturbo sia sull’Asse I che sull’Asse II. La condizione esistenziale del disabile si può descrivere come fragile e vulnerabile fin dalla nascita: la sfida principale delle persone con deficit cognitivo è rappresentata infatti dalla loro stessa esistenza segnata fin dall’inizio da relazioni e da eventi che sono potenzialmente traumatici. Non è facile per i genitori rendersi conto prima ed accettare poi che il loro figlio sia così diverso da quello che si erano rappresentati: è un bimbo imperfetto con il quale fanno fatica fin dall’inizio a relazionarsi. La scoperta della menomazione darà luogo nei genitori ad un lutto che richiederà molto tempo per essere elaborato. Nel frattempo, il bambino sperimenta una relazione in cui i suoi bisogni di rispecchiamento, di vicinanza e amore non vengono riconosciuti, facendo così esperienza di una relazione rifiutante e quindi traumatica. Stanghellini (2009) annovera tra i vari dispositivi di vulnerabilità anche il trauma relazionale, cioè il mancato riconoscimento dei bisogni di vicinanza e amore, la mancata conferma del diritto di esistere; in una parola è traumatica l’assenza. Assenza che può essere concepita anche come mancanza del desiderio dell’Altro. Secondo Lacan, lo statuto di

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Laura Tavano Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 512 click dal 28/10/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.