Skip to content

L'accoglienza dei richiedenti asilo in Italia, tra norme e prassi

Informazioni tesi

  Autore: Erica Giovanna Sacchetti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dell'amministrazione
  Relatore: Gloria Regonini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

L'elaborato descrive il sistema italiano di accoglienza per richiedenti asilo e rifugiati tenendo conto della sua più ampia collocazione all'interno del quadro europeo. Una prima parte si focalizza sul frangente normativo e ricostruisce i passaggi che nel nostro paese hanno condotto all'affermazione dell'assetto odierno. Il capitolo centrale propone una descrizione ampia e dettagliata delle strutture di accoglienza e delle politiche implementate dai diversi livelli di governo. Il lavoro si prefigge inoltre di ricostruire le differenzi fasi dell'assistenza dei rifugiati politici a partire dal momento dell'arrivo in Italia fino ad arrivare al completamento del percorso di integrazione socio-economica.
L'ultima parte dell'elaborato presenta un breve focus sul sistema di accoglienza nella città di Milano la cui comprensione è stata possibile grazie all'esperienza diretta in due strutture della città.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE L’elaborato tratta il complesso tema dell’accoglienza dei richiedenti asilo in Italia sotto differenti profili, con un taglio prevalentemente politologico volto a mettere in luce le molteplici dimensioni dell’ospitalità; l’analisi è condotta in un’ottica comparativa al fine di evidenziare le discrepanze tra le norme vigenti in materia e la loro sostanziale applicazione. Gli elementi puramente descrittivi sono intervallati con frequenza da dati quali/quantitativi che evidenziano i limiti e le gravi problematiche che affliggono in modo disomogeneo le diverse regioni italiane. All’interno del primo capitolo viene delineato il quadro normativo di riferimento, iniziando dal diritto internazionale e attraversando rapidamente le direttive europee che si sono susseguite a partire dagli anni ’90, fino ad arrivare all’analisi dell’evoluzione delle politiche nazionali in materia di asilo. Quest’ultimo tema è presentato sotto il profilo giuridico ma anche storico-demografico, al fine di mettere in luce la stretta relazione tra l’adozione dei provvedimenti e il volume dei flussi migratori: il legislatore italiano ha tenuto per lungo tempo un atteggiamento passivo e di attesa, intervenendo solo in situazioni di grave emergenza alle quali ha fatto fronte elaborando provvedimenti ad hoc, senza tentare di formulare una politica unitaria. Solo in ottemperanza delle direttive imposte dall’Unione europea è stato istituito in Italia l’obbligo giuridico di predisporre un sistema di accoglienza per richiedenti asilo e rifugiati che rispettasse requisiti di base uguali in tutti gli Stati membri. Questo aspetto viene trattato in modo approfondito nel corso del secondo capitolo attraverso la descrizione dettagliata di tutte le tipologie di strutture presenti sul territorio, formalmente pensate per finalità distinte ma spesso caratterizzate da sovrapposizioni funzionali. La parte centrale dell’elaborato si configura come la ricostruzione dell’intera esperienza di un richiedente asilo in Italia, a partire dalla prima assistenza in un CPSA (Centro di primo soccorso e accoglienza), passando attraverso l’ospitalità in un CARA (Centro accoglienza per richiedenti asilo), fino ad arrivare al processo di integrazione sociale in una struttura SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati); al termine di questo “viaggio” il soggetto dovrebbe aver portato a compimento quel difficile percorso di inclusione socio-economica indispensabile per il passaggio dallo status di utente a quello di cittadino. L’elaborato evidenzia come le fasi di questo percorso spesso non rispettino l’ordine stabilito dalla legge e contrariamente si susseguano in una sequenza confusa che

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

immigrazione
stranieri
richiedenti asilo
leggi immigrazione
centri accoglienza
rugiati politici
sistema accoglienza milano
sistema di protezione richiedenti asilo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi