Skip to content

La Compliance nel Sistema dei Controlli Interni delle banche. Un caso di outsourcing.

Informazioni tesi

Autore: Martina Paglione
Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
Anno: 2009-10
Università: Università degli Studi del Molise
Facoltà: Economia
Corso: Scienze dell'economia
Relatore: GiulianaBirindelli
Lingua: Italiano
Num. pagine: 118

Il mio lavoro approfondisce il tema della compliance nel Sistema dei Controlli Interni delle banche, quale attività preventiva di verifica che le procedure interne siano tali da prevenire la violazione di norme di eteroregolamentazione e autoregolamentazione applicabili alla banca. La logica ispiratrice della disciplina della compliance bancaria è quella della prevenzione e della mitigazione del rischio di non conformità. Il rischio di non conformità è, nella tassonomia dei rischi scaturiti dall’Accordo di Basilea 2, un rischio “trasversale”, in quanto comprendente i rischi legali (che sono anche una componente dei rischi operativi) e quelli reputazionali.
La funzione di compliance si inserisce a pieno titolo tra gli strumenti utili al rafforzamento dei presidi di controllo interno alle banche. Essa si colloca su di un piano complementare e funzionale rispetto ai presidi di Internal Audit e di Risk Management, ma anche di supporto ai controlli di primo livello svolti dai manager di linea e delle attività di supervisione in capo al vertice aziendale.
L’introduzione della funzione Compliance costituisce una nuova sfida per le Banche di Credito Cooperativo (BCC) che sono chiamate a trovare una soluzione organizzativa, sostenibile ed adeguata. In più occasioni è stato sottolineato infatti il contributo della compliance alla creazione del valore d’azienda. Prevedendo o comunque controllando gli eventi che impattano negativamente sulla reputazione, o meglio sui fattori su cui essa si costruisce, quali l’affidabilità, la credibilità, la fiducia e la responsabilità, l’intermediario rafforza il rapporto di fiducia instaurato con la clientela e, in maniera più ampia, con tutti gli stakeholders, e arricchisce i driver del valore nelle componenti intangibili. Tuttavia, non mancano ricadute positive anche sul dimensionamento del capitale tangibile, derivanti dal contenimento delle perdite dovute alla minore appetibilità dei prodotti e servizi bancari. Quindi, la compliance non va intesa in un’accezione limitata alla gestione dei rischi, ma ricondotta a un approccio manageriale strategico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L’aumentata complessità della gestione bancaria, la necessità di preservare la connotazione fiduciaria del rapporto con la clientela da accadimenti all’origine di cadute d’immagine e perdite di reputazione, il maggior peso della regolamentazione ma anche dei codici aziendali, etici e di autodisciplina, sono i più significativi fenomeni che hanno accresciuto la vulnerabilità delle banche a rischi diversi da quelli “tradizionali”. Ai rischi di credito e di mercato si sono affiancati infatti rischi legali e di reputazione, non meno rilevanti per l’affidabilità e la credibilità degli intermediari, in quanto potenzialmente in grado di mettere a repentaglio la loro stabilità e di compromettere il legame fiduciario con la clientela. Poiché i “nuovi” rischi sono più difficili da individuare e quantificare, i requisiti patrimoniali, stabiliti dalle regole di Basilea 2, costituiscono solo una parte degli strumenti prudenziali per il loro contenimento, altrettanto importanti sono i requisiti organizzativi imposti alle banche che agiscono introducendo comportamenti degli intermediari considerati idonei a minimizzare tali rischi. Già le regole di Basilea 2 prevedono, accanto ai requisiti patrimoniali minimi proporzionali ai rischi, un secondo pilastro costituito dall’obbligo per l’intermediario di valutare l’esistenza di altri rischi non presi in considerazione nei requisiti minimi, l’adeguatezza dell’apparato dei controlli nel fronteggiare tutti i rischi e l’eventuale necessità di mantenere un capitale superiore ai minimi per coprire il “rischio residuale”. Più specificatamente rivolte ai rischi legali e di reputazione sono le regole che richiedono la costituzione, nell’ambito del Sistema dei Controlli Interni, di una funzione di Compliance, incaricata di verificare che in tutti i settori operativi della banca esistano meccanismi che assicurino l’osservanza delle norme, di adeguati standard operativi, dei principi deontologici ed etici, soddisfando l’esigenza di rafforzare i presidi volti a orientare la cultura aziendale al rigoroso rispetto delle regole, alla corretta gestione dei conflitti d’interesse e alla conservazione del rapporto fiduciario con la clientela. In tale contesto di riferimento, il presente lavoro intende soffermarsi sulla valenza della funzione compliance nelle banche, che ha il compito di identificare le norme

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

basilea
banca d'italia
audit
banche di credito cooperativo
compliance
conformità
rischio di non conformità
sistema dei controlli interni delle banche
fedam
disposizioni di vigilanza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi