Skip to content

Presenza del lupo (Canis lupus) nel settore Marchigiano del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e aree contigue

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Tomei
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Scienze forestali (SFN)
  Corso: Conservazione e restauro dell'ambiente forestale e difesa del suolo
  Relatore: Andrea Amici
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 168

Lo studio ha incrementato le conoscenze sulla presenza del lupo nel settore Marchigiano del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga (PNGSL). La presenza del lupo in questa area era stata segnalata da studi pregressi e dal Servizio Scientifico del PNGSL, già documentata da fonti bibliografiche, sin dagli anni ’70. Lo studio è stato effettuato su un’area di circa 110 Km2, nel periodo febbraio 2013-marzo 2014. Le tecniche utilizzate (ricerca dei segni di presenza su transects, snow tracking, fototrappolaggio, wolf howling, analisi dei danni al patrimonio zootecnico locale) hanno confermato la presenza del predatore sul territorio. In particolare, il fototrappolaggio si è rivelato uno dei metodi più utili per stimare la consistenza e la distribuzione. Il riconoscimento individuale, effettuato con l’analisi di filmati e fotogrammi, ha permesso di stimare la presenza di 2 nuclei familiari. Un nucleo familiare nell’area di Monte Comunitore formato da 4 individui più tre piccoli nati nella stagione riproduttiva 2013, e l’altro nella zona di San Martino con 5 individui, senza piccoli, probabilmente morti. L’analisi dei danni evidenzia una spiccata propensione del predatore verso le specie ovicaprine ed un aumento dei capi predati dal 2010 al 2013. La conservazione del Lupo, in quanto specie prioritaria presente in allegato II della Direttiva Habitat 92/43/CEE e la necessità di mantenere le attività zootecniche attualmente presenti nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga hanno portato l’Ente ad attuare misure di mitigazione condivise attraverso la realizzazione di un regolamento indennizzo danni costruito tramite un percorso partecipativo, con tutti i portatori d’interesse.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione La regione Marche ha attuato nel periodo ottobre 2010-gennaio 2012 un Programma di monitoraggio del lupo nelle aree montane del proprio territorio, in adesione al Piano d’azione nazionale per la conservazione del lupo, promosso dal Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare in collaborazione con l’ISPRA (Giacchini et al., 2012). Dopo un periodo di interruzione del monitoraggio (gennaio 2012-gennaio 2013), la Regione, con la DGR n. 63/2013, ha stipulato una convenzione con vari enti, tra cui il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga (PNGSL) per proseguire il suddetto programma, fino al 2015, nel rispetto degli obiettivi preposti. Il presente studio vuole contribuire ad ampliare le conoscenze sulla presenza di una specie, ancora minacciata dall’uomo, che sta ricolonizzando il territorio di origine. In particolare, è volto ad approfondire i quadri conoscitivi di presenza, distribuzione e consistenza delle popolazioni di lupo nel settore Marchigiano del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e nelle aree contigue, attraverso un monitoraggio integrato. Lo studio si è svolto nella prima parte del periodo di indagine previsto dal Programma di conservazione del lupo e riduzione dei conflitti con le attività socio- economiche nel territorio delle Marche, cioè dal mese di febbraio 2013 al mese di marzo 2014. Disponendo di informazioni e dati sulla presenza del predatore nelle Marche, frutto dei risultati ottenuti dal monitoraggio effettuato dal 2010 al 2012 in una porzione dell’area di studio e di dati raccolti nell’ambito del progetto LIFE natura Ex- Tra, nonché di ricerche bibliografiche sulla distribuzione storica in tale area, si è cercato di fornire un quadro delle dinamiche dei nuclei familiari. Il presente elaborato si compone di parti riguardanti aspetti bibliografici unitamente ad aspetti sperimentali. Le notizie bibliografiche sono servite per fornire informazioni sugli aspetti generali della specie e sulle caratteristiche dei metodi di monitoraggio adottati (ricerca dei segni di presenza su transetto, fototrappolaggio, snow tracking, wolf howling, analisi dei danni alla zootecnia), mentre la parte sperimentale è costituita dall’applicazione di tali metodi nell’area di studio e dai risultati ottenuti. Ogni metodo ha fornito informazioni sulla presenza e distribuzione del lupo sul territorio; esaminando e ponendo in relazione i risultati tra loro, è stata effettuata una stima del numero di gruppi familiari e degli individui presenti negli stessi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lupo
pngsl
fototrappolaggio
settore marchigiano
parco gran sasso e monti della laga
danni alla zootecnia
transect
wolf howling
genetica non-invasiva

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi