Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fenomeno delle offerte all'ultimo minuto nelle aste di eBay: motivazioni strategiche ed evidenze empiriche

Diversi autori in letteratura hanno osservato che, spesso, gli utenti su eBay tendono a sottoporre le proprie offerte in prossimità della scadenza dell'asta. Dato il funzionamento delle aste di eBay, assimilabili a delle aste al secondo prezzo, questo fenomeno non è coerente con le predizioni teoriche. Questo elaborato presenta una rassegna estensiva delle motivazioni strategiche delle offerte all'ultimo minuto identificate in letteratura. Inoltre, sono state condotte delle analisi empiriche su un campione di 23425 aste. Dai dati è emerso che il late bidding è un fenomeno che ha subito una crescita nell'ultimo decennio. Tale fenomeno risulta più diffuso nelle aste di Elettronica rispetto a quelle di Antiquariato. Sono state testate le tre motivazioni del late bidding di Roth e Ockenfels (2002): offerte incrementali, valore comune e collusione implicita. I test hanno confermato le offerte incrementali come causa del late bidding, ma hanno rigettato le ipotesi di valore comune e collusione implicita. Infine, è stato proposto un modello delle aste di eBay basato sull'assunzione che lo sniping richiede un costo per essere praticato, nel quale la propensione dei bidders a praticare tale strategia è influenzata dal valore del bene messo in vendita.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Le aste rappresentano uno dei più antichi meccanismi di allocazione delle risorse: le prime testimonianze del loro utilizzo risalgono già al 500 a.C. nell’antica Babilonia. Oggi, grazie alla nascita dei siti di aste online e sull’onda dell’enorme successo conseguito, le aste sono entrate a far parte delle abitudini di milioni di persone. Un ruolo fondamentale nel successo e nella relativa diffusione delle aste online è stato sicuramente giocato da eBay, il portale che da quasi 20 anni domina il mercato e che oggi, con quasi 150 milioni di utenti attivi, rappresenta il più grande sito di aste online al mondo. Il funzionamento delle aste di eBay si basa sull’esistenza di un sistema delle offerte per procura che opera come segue: l’utente inserisce il prezzo massimo che è disposto a pagare e il sistema provvedere a rilanciare automaticamente per suo conto del minimo incremento necessario per mantenerlo il migliore offerente, fino al raggiungimento dell’offerta massima da lui specificata. Ad esempio, se un utente A inserisce un’offerta massima di 100€ nel sistema delle offerte per procura, ed un altro utente B invia successivamente un’offerta di 50€, il sistema rilancerà automaticamente per conto di A offrendo 51€. In questo modo il prezzo pagato dall’offerente in caso di vittoria sarà uguale non alla sua offerta massima ma alla seconda offerta più elevata ricevuta nell’asta, più un piccolo incremento. Il sistema delle offerte per procura rende le aste di eBay assimilabili alle aste al secondo prezzo di Vickrey: in queste aste gli offerenti scrivono simultaneamente le proprie offerte in una busta chiusa e al momento dell’apertura colui che ha sottoposto l’offerta più alta si aggiudica l’oggetto pagando un importo pari alla seconda offerta più elevata. Per questa tipologia d’asta, in un modello a valori privati (aste, cioè, dove ogni bidder ha una propria valutazione dell’oggetto che è personale ed indipendente da quelle degli altri), la teoria afferma che la strategia dominante è quella di sottoporre un’offerta pari alla propria, onesta, valutazione dell’oggetto, in un qualunque istante temporale. Ne segue che per i bidders (offerenti) sottoporre la propria offerta 3 giorni prima della scadenza o negli ultimi 5 secondi dovrebbe essere del tutto indifferente: ciò che rileva ai fini della vittoria, infatti, è soltanto l’importo dell’offerta, non il tempo.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Danilo Ardini Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 998 click dal 07/11/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.