Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La globalizzazione: nascita, sviluppo e implicazioni socio-linguistiche

Il presente lavoro è diretto ad un approfondimento del tanto attuale e discusso processo di globalizzazione e soprattutto degli effetti che esso ha prodotto in tutto il mondo. Si partirà dagli eventi storici fondamentali che hanno portato alla diffusione dei processi globali, con particolare attenzione al significato che questo fenomeno ha acquisito nel tempo, soprattutto da un punto di vista sociologico. In seguito si presterà attenzione ad un’analisi compiuta da alcuni importanti sociologi sugli effetti del fenomeno globale. L’ultima parte sarà dedicata ad un altro importante aspetto, riguardante la diffusione della lingua inglese come lingua globale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il presente lavoro è diretto ad un approfondimento del tanto attuale e discusso processo di globalizzazione e soprattutto degli effetti che esso ha prodotto in tutto il mondo. Si partirà dagli eventi storici fondamentali che hanno portato alla diffusione dei processi globali, con particolare attenzione al significato che questo fenomeno ha acquisito nel tempo, soprattutto da un punto di vista sociologico. In seguito si presterà attenzione ad un’analisi compiuta da alcuni importanti sociologi sugli effetti del fenomeno globale. L’ultima parte sarà dedicata ad un altro importante aspetto, riguardante la diffusione della lingua inglese come lingua globale. Nel primo capitolo si è tracciato un percorso storico del processo globale, partendo dall’evento più importante del XVIII secolo: la rivoluzione industriale. Mediante l’analisi dei suoi principali effetti a livello internazionale, si è mostrato come questo fenomeno abbia modificato profondamente le concezioni e i modelli di gestione dell’economia di molti Paesi europei, i quali hanno avviato un processo di conversione economica passando dal protezionismo al liberalismo. Si è sottolineata, inoltre, l’importanza dei grandi progressi compiuti nel campo dei trasporti, che hanno permesso una circolazione più fluida e libera di persone e di merci, andando così a favorire l’origine dei processi globali. Analizzando il periodo del primo dopoguerra, si è delineato un quadro sulle conseguenze che la guerra ha prodotto su scala mondiale. In questo periodo, infatti, sono nati i primi accordi internazionali che servivano a pianificare delle politiche a livello globale. In seguito, negli anni trenta, si è voluta sottolineare l’importanza della politica del New Deal adottata dal presidente degli Stati Uniti Roosvelt come soluzione alla disastrosa crisi del 1929, la prima crisi globale. Il New Deal venne dunque proposto come un modello da adottare, non solo negli Stati Uniti, ma a livello internazionale, data la natura espansiva della crisi. Il fatto che la crisi partì dagli Stati Uniti e poi si diffuse velocemente nei Paesi europei, fu il primo grande segnale che si stava delineando un processo globalizzante. Ma fu la seconda guerra mondiale a conferire agli Stati Uniti più potere, trasformandolo nel Paese

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Federica Bucci Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1837 click dal 06/11/2014.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.