Skip to content

Videogiochi violenti e aggressività: influenza su comportamenti, atteggiamenti e giudizio morale nei minori.

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Bertelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze psicologiche
  Relatore: Maria Luisa Gennari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 42

Aggressività e influenza mediatica rappresentano due temi strettamente correlati tra di loro ed è per questo che numerosi studi e ricerche si sono concentrate proprio sulla possibile influenza esercitata dai media sull’aggressività dei loro spettatori. In particolare, negli ultimi anni, molti studi si sono focalizzati sui videogiochi violenti dato anche il loro grande successo. Nel presente elaborato questo tema è affrontato da un punto di vista teorico, sono dapprima analizzate diverse spiegazioni formulate alla luce di differenti teorie di riferimento (il modello generale dell’aggressività, la teoria dell’apprendimento sociale ecc.), dopo di che sono presentati i risultati di alcune ricerche che hanno permesso di stabilire fino a che punto i videogiochi violenti possono avere effetti sull’aggressività dei minori.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’utilizzo dei videogiochi è un fenomeno sempre più in espansione e rappresenta la tipologia di giochi utilizzati al giorno d’oggi dalla maggior parte di bambini e adolescenti (Myers, 2008). Numerose ricerche di mercato (e non solo) hanno dimostrato che, negli ultimi anni, i videogiochi a contenuto violento rappresentano la categoria di videogiochi preferita dai minori e proprio per questo, anche grazie alle tecnologie sempre più evolute, gli sviluppatori di videogiochi hanno creato e messo in commercio, numerose tipologie di videogiochi a contenuto violento, rendendoli sempre più realistici e aumentando così l’interesse da parte dei minori (Myers, 2008; Anderson, Gentile & Buckley, 2007). Questa forte espansione è dovuta al parallelo sviluppo tecnologico, che caratterizza i giorni d’oggi, con tecnologie sempre più avanzate ed evolute che hanno modificato anche il modo di giocare, le tipologie di giochi, i luoghi di gioco che sono sempre più virtuali (Ghezzo & Pirone, 2007). La diffusione dei videogiochi è avvenuta a partire dagli anni Sessanta/Settanta, ma solo negli anni novanta hanno iniziato a diffondersi i videogiochi a contenuto violento che, con il passare del tempo e con l’evolversi delle tecnologie, sono diventati sempre più “cruenti” rendendo molto realistiche le scene di violenza e di sangue, e diventando i videogiochi più ricercati e scelti dai minori (Anderson, Gentile & Buckley, 2007). A causa di questa forte attrazione nei confronti dei videogiochi a contenuto violento la domanda che molti esperti si sono posti è: quali possono essere gli effetti del costante utilizzo di videogiochi a contenuto violento? In particolare, i ricercatori dell’area psicologico-sociale si sono chiesti se l’utilizzo di videogiochi violenti incrementi l’aggressività delle persone che ne usufruiscono, soprattutto se minori. E’ importante sottolineare come l’aggressività non venga intesa soltanto come un comportamento esplicito, volto a provocare un danno a qualcuno, ma rappresenti anche un atteggiamento e un sentimento come si vedrà nel corso dei capitoli. Prima dell’avvento e della diffusione dei videogiochi, è stata studiata in maniera approfondita l’influenza esercitata dai media, in particolare dalla televisione, su bambini e adolescenti e, anche in questo caso, non mancano numerosi studi relativi alla violenza mostrata in programmi televisivi e film. A tal proposito sono oggi presenti molti studi che mettono a confronto l’influenza esercitata dall’esposizione a programmi televisivi violenti e l’influenza esercitata dai videogiochi violenti. Anche se il dibattito è ancora molto aperto e la risposta a una domanda di questo spessore richiede approfondimenti maggiori, molti studiosi rivelano che l’influenza esercitata dai videogiochi sia maggiore di quella esercitata dai programmi televisivi,, per ragioni che verranno esposte più avanti. Gli studi relativi all’influenza dei videogiochi a contenuto violento sull’aggressività dei fruitori sono stati condotti con differenti approcci e metodologie, prendendo in considerazione numerose variabili. Le ricerche, inoltre, nascono alla luce di diversi modelli teorici e hanno a loro volta contribuito alla definizione di teorie diverse una dall’altra. La domanda alla quale si cercherà di dare una risposta nell’elaborato può essere cosi formulata: il fatto di assistere a scene di violenza e di aggressività in televisione o tramite l’utilizzo di videogiochi, può avere effetti su atteggiamenti e comportamenti nella vita dei minori? 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicologia
aggressività
influenza mediatica
videogiochi violenti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi