Skip to content

Spunti per uno studio della politica della Federazione Russa nell'area del Mar Nero

Informazioni tesi

  Autore: Ilenia Maria Calafiore
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Maurizio Vernassa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 136

A poco più di vent'anni dalla dissoluzione dell'Unione Sovietica, la Federazione Russa ha avviato un processo che mira a riaffermare Mosca nello scenario internazionale come potenza mondiale e ciò attraverso l'acquisizione di una nuova influenza su aree di suo
naturale interesse come quella del Mar Nero. Il presente lavoro vuole dare una panoramica generale della politica del Cremlino nell'area dopo il 1991. Le relazioni fra Mosca e i nuovi paesi indipendenti verranno analizzate soffermandosi sui punti di criticità per gli i paesi che hanno optato per politiche internazionali più filo-europee, come Georgia e Ucraina, e privilegiando i punti di contatto per i paesi che sono rimasti più vicini alla Russia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I La dissoluzione sovietica 1.1 Dall'URSS alla Russia «Abbiamo bisogno di una rivoluzione dall'alto. Nulla di più e nulla di meno, altrimenti non andremo da nessuna parte. Mikhail Sergeevič questo lo capisce?» 1 . A scrivere queste parole nel proprio diario è A.S. Černjaev, consigliere di Gorbačëv per la politica estera, all'indomani del funerale di Černenko il 13 Marzo del 1985. La riforma del sistema «cominciata in modo strisciante negli ultimi anni di Brežnev, accellerata da Andropov a rallentata da Černenko» 2 era avvertita come essenziale da Gorbačëv, che la espose al plenum del Pcus nel 1985. Una delle difficoltà maggiori era rappresentata dalla vastità dell'Unione Sovietica, sia in termini geografici, con oltre 22 milioni di Km², che demografici, circa 300 milioni di abitanti 3 ; inoltre né Gorbačëv né i suoi consiglieri possedevano il reale quadro della situazione in cui versava l'Unione e ciò anche a causa delle falsificazioni delle statistiche attuate nel corso degli anni dal regime e dalla erroneità dei dati ufficiali 45 . Di conseguenza l'impianto di riforme benché mirato al miglioramento delle condizioni di vita dei cittadini non aveva un piano definito. Nelle parole di Jakovlev «quanto al programma, semplicemente non poteva esistere» 6 . Il piano ideato dal Segretario Generale del Partito Comunista si articolava in tre punti: riformare l'economia sovietica, ossia un'economia arretrata basata su una struttura conservatrice restia al cambiamento, un'economia dai prodotti di bassa qualità, non efficiente e non competitiva 7 ; migliorare i rapporti con l'Occidente; concludere la guerra in Afghanistan 8 iniziata nel 1979 e che alla fine della campagna conclusasi nel 1989 avrebbe prodotto, soltanto fra i soldati sovietici, più di 15.000 morti e oltre 10.000 invalidi 9 che tornati in patria 1 A. Graziosi, L'Urss dal trionfo al degrado, Bologna, Il Mulino, 2008, p.505. 2 Ivi, p. 507 3 http://www.accademiageograficamondiale.com/russia/articoli/notiziedaaccademici.pdf 4 Abel G. Aganbegjan, La Perestrojka della economia, Milano, Rizzoli, 1988, p.12 5 A. Graziosi, op. cit. p.520 6 A. Graziosi, op. cit. p.522 7 A. Aganbengjan, op. cit. p.10 8 La guerra russo-afghana si svolse nel decennio tra il 1979 ed il 1989:l'obiettivo sovietico fu quello di rendere presidente Bebrak Karmal, che avrebbe instaurato un regime comunista. Le truppe sovietiche e quelle del PDPA, il partito democratico popolare afghano, non riuscirono mai a controllare tutto il paese a causa della ferocissima guerrilla organizzata dai mujahiddin. L'avventura afgana si risolse con gli accordi di Ginevra che stabilirono la ritirata dei soldati russi. 9 David Isby, Steven J. Zaloga, Mir Bahmanyar, I sovietici in Afghanistan, Oxford, Osprey Publishing, 2011, p.101 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

turchia
terrorismo
gas
federazione russa
azerbaijan
settore energetico
georgia
ucraina
armenia
nagorno karabkh

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi