Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comportamento dinamico di una struttura con giunti visco-elastici verticali

Lo studio ha riguardato il comportamento dinamico di una struttura in acciaio sottoposta a una varietà di input sismici avente alcune colonne del piano terra giuntate con dispositivi viscoelastici

Mostra/Nascondi contenuto.
1CAPITOLO I INTRODUZIONE 1.1 SCOPO DELLA TRATTAZIONE Il problema dell’isolamento degli edifici per il controllo della risposta degli stessi sotto l’azione di forzanti dipendenti dal tempo ha assunto, negli ultimi anni, un peso notevole sia nell’ambito normativo sia nelle prime fasi di scelta progettuale. In territori come il Giappone, dove il problema sismico è fortemente sentito, la normativa in uso dal 1986 si è basata su una vasta gamma di sperimentazioni e tutt’oggi edifici superiore ai 60 metri sono sottoposti all’esame di commissioni speciali. In tale territorio si colloca l’edificio che sarà oggetto della seguente trattazione e pertanto si faranno riferimento in parte alle scelte operabili con tale codice, almeno per quello che riguarda il tipo di azione sismica da adottare. L’edificio, costituito da una ossatura a telaio in acciaio fuori terra, è stato dotato di un particolare dispositivo di isolamento che lo rende innovativo nel suo genere. Tale dispositivo ha un comportamento reologico di tipo viscoelastico ben noto e largamente sperimentato in molti settori della tecnica. E’ applicato, però, tra le sezioni opposte di alcune colonne dell’edificio attraverso, ad esempio, opportune tecniche di confinamento di elastomeri tra piatti di acciaio. La possibilità di movimento di sezioni opposte di colonne muta profondamente il comportamento complessivo della struttura sotto l’effetto di azioni dinamiche rispetto a quella con le colonne intere richiamando quel carattere meccanico cosiddetto “non lineare” associato prevalentemente alla discontinuità di reazione del dispositivo. Scopo, dunque, di questa trattazione è quello di evidenziare le differenze insite in questo tipo di comportamento della struttura con quello lineare assimilabile con la stessa dalle colonne continue sotto l’aspetto, ovviamente,

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Luigi Perrone Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1585 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.