Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problemi testuali e linguistici nei Theriaca di Nicandro

Esame linguistico e filologico dei Theriaca di Nicandro di Colofone (II sec. a. C.), opera di epica didascalica sui rimedi ai morsi degli animali velenosi. L'opera è interessante per l'erudizione dispiegata dall'autore e per la tecnica di versificazione; la tesi consta inoltre di una traduzione in italiano ed è corredata da un elenco delle specie animali e vegetali elencate nell'opera.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 PREFAZIONE Scopo del presente lavoro è prendere in esame un'opera di Nicandro di Colofone, poeta ellenistico attivo verso la metà del II sec. a.C. L'opera, i Theriaca, appartiene al genere didascalico; è infatti un trattato sugli animali velenosi e sui rimedi ai loro morsi. Pervenutaci intera, consta di 958 esametri, è ricca di descrizioni naturalistiche talvolta anche molto fantasiose, e di ricette mediche; è scritta in una lingua che ricalca l'epica omerica, di cui utilizza parole ed espressioni, ma presenta anche un elevato numero di neologismi. Il lavoro è così strutturato: un primo capitolo in cui presento il periodo storico nel quale l'opera fu composta e mi soffermo abbastanza dettagliatamente sul problema delle fonti; proseguo con la trattazione della lingua poetica, mediante la quale ho tentato di riscattare Nicandro dalla communis opinio che egli non sia un vero poeta, ma soltanto un pedante grammatico ed un banale versificatore di una materia astrusa; il secondo capitolo è una traduzione dell'opera in italiano, cui mi è parso opportuno dedicarmi dato che l'unica traduzione esistente nella nostra lingua risale al 1840 1 ; il terzo capitolo è un esame di un buon numero di lemmi del poema dal punto di vista grammaticale e filologico, nel quale ho talvolta incluso lezioni alternative proposte da altri studiosi. Di queste ultime mi limito a prendere 1 Le Teriache e gli Alessifarmachi di Nicandro, traduzione di A. M. Salvini. Parnaso straniero, ed. Giuseppe Antonelli 1840.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Emanuela Pietrosanto Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1274 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.