Skip to content

La nuova revisione legale dei conti

Informazioni tesi

  Autore: Veronica Cetroni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Giorgio Marasà
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

La tesi tratta delle riforme che ha subito la revisione legale dei conti dopo l'attuazione del D. Lgs. 39/2010.
Nel primo capitolo andremo a vedere come il Legislatore nel recepire la direttiva comunitaria, ha cambiato i fondamenti di quella che è la disciplina della revisione legale dei conti, in principal modo, ci soffermeremo sull'abilitazione e formazione del revisore legale, e sui requisiti di indipendenza.
Nel secondo capito andremo ad analizzare quelle che sono le disposizioni in tema di enti di interesse pubblico, una tra le novità più significative introdotte.
Nel terzo capito parleremo della responsabilità civile e penale a cui incorrono i revisori, dell'attività di controllo e vigilanza che viene fatta dagli organi pertinenti a questa disciplina, delle sanzioni amministrative e penali.
Nelle conclusione vedremo come la direttiva 2006/43/CE è stata recepita, andando a capire perché il Legislatore, cercando di accontentare quelli che sono gli orientamenti politici all'interno dello Stato, ha creato dissensi ed antinomie all'interno della nuova disciplina; citando, in ultima istanza, la nuova direttiva del 16 Marzo 2014, che va a correggere la direttiva 2006/43/CE.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREFAZIONE Chi non ricorda le vicende della Enron (2001) e della Worldcom (2003), o quelle della Parmalat (2003)? Questi colossi si erano indebitati a dismisura, e pagando il debito a scadenza con nuovo debito, avevano mascherato una crisi incalzante con bilanci gonfiati ad hoc. Con la passiva complicità dei revisori, erano riusciti ad apparire floridi fino alle soglie del tracollo. Buona parte delle responsabilità dei disastrosi fallimenti intervenuti è stata imputata ai revisori, che invece di fungere da “guardiani” hanno lasciato fare ai loro clienti. Tutto ciò è costato caro ad alcune delle allora big: Deloitte condannata anche in Italia per il crack Parmalat; Arthur Andersen invece ha volontariamente rimesso la licenza di certified public accountant nel 2002, dopo che era stata condannata per ostruzione alla giustizia dalla United States District Court for the Southern District of Texas, ed ha conseguentemente cessato la propria attività. La reazione americana è stata pronta e dura, infatti, già nel 2002 il governo federale degli Stati Uniti d’America aveva emanato il Sarbanes Oxley Act, come reazione agli scandali finanziari sopra ricordati. La risposta europea invece è molto ritardata, se non tardiva: l’intervento comunitario in materia risale infatti alla dir. 2006/43/CE, che abroga la direttiva 1984/253/CEE, e detta nuove disposizioni in materia di revisioni legali dei conti annuali e dei conti consolidati. Il D.Lgs. 27 gennaio 2010, n°39 è il provvedimento che dà attuazione in Italia alla direttiva 2006/43/CE e ridisegna la disciplina della revisione legale, con effetti sia sul codice civile sia sulle principali leggi collegate quali TUF, TUB e codice delle assicurazioni. Essa cerca di aumentare l’armonizzazione minima delle discipline nazionali, regolamentando alcune delle questioni che erano state additate quali cause degli scandali, ed incrementando, sulla scia del SOX, l’intensità della vigilanza pubblica sull’attività dei revisori contabili. La revisione legale dei conti era già stato oggetto di un’attenta ed approfondita analisi a seguito dell’emanazione della l. 7 giugno 1974, n. 216 (c.d.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]t

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

revisori
d.lgs. 39/2010
revisione legale
tesi economia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi