Skip to content

Effetti dell'avvicendamento colturale e delle fertilizzazioni organiche in frumento biologico

Informazioni tesi

  Autore: Leonardo Pasquinelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università Politecnica delle Marche
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze Agrarie e del Territorio
  Relatore: Marco Toderi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 63

La tesi ha avuto come obiettivo la valutazione di diversi avvicendamenti colturali e fertilizzazioni organiche in frumento duro biologico. Si sono valutate le principali componenti della resa e della qualità della granella, in particolare per la produzione di pasta.
Il disegno sperimentale della prova oggetto della Tesi è stato uno split - plot nel quale il fattore principale è l'avvicendamento colturale ed il fattore secondario sono le concimazioni organiche. Si sono considerati due avvicendamenti colturali: uno caratterizzato dall'Erba medica (Medicago sativa), che ha occupato il 64% della rotazione, mentre il Frumento duro (Triticum durum) il 29%; l'altro caratterizzato da avvicendamenti di colture erbacee annuali (Hordeum vulgare, Vicia faba, Helianthus annuus). Si sono presi in considerazione 3 diversi fertilizzanti organici tra i più comunemente utilizzati in cerealicoltura biologica: il primo a base di borlanda essiccata, guano e pollina essiccata, N totale 5%; il secondo a base di pennone e pollina essiccata, N totale 10%; il terzo un concime liquido per applicazione fogliare a base di amminoacidi vegetali levogiri, N totale 5%. Si è optato per la lavorazione minima, la lavorazione principale è stata una scarificatura eseguita ad ottobre per limitare l'ossidazione della sostanza organica durante il periodo estivo e evitare un eccessivo dilavamento dell'azoto nitrico con le piogge autunnali. Sono succeduti a questa interventi di affinamento del letto di semina con chisel ed erpici. Il controllo delle infestanti è stato eseguito con passaggi di erpice strigliatore in fase di accestimento del Frumento duro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. INTRODUZIONE 1.1. Origine frumento Con il termine frumento s’intendono diverse specie di graminacee appartenenti al genere Triticum. Queste piante furono tra le prime a essere selezionate e coltivate, il loro centro di origine è la mezzaluna fertile (Vicino e Medio Oriente), circa 10 – 11.000 anni fa. Da questa regione la loro coltivazione si è diffusa a tutte le aree temperate del pianeta, inizialmente nel Bacino del Mediterraneo e in Asia, successivamente in America e Australia.(Bonciarelli-Bonciarelli, 2001) In Europa occidentale i frumenti si diffusero nell’età della pietra. Nell’Italia preistorica ne erano già coltivati diversi tipi e nel periodo pre-romano il frumento rappresentava già un’importante porzione del mercato dei prodotti agricoli. (Baldoni-Giardini, 2001) Le numerose specie del genere Triticum si sono evolute attraverso complessi meccanismi d’ibridazione e concomitanti fenomeni di raddoppiamento del numero cromosomico avvenuti spontaneamente (dovuti a fenomeni naturali), in una serie poliploide di base sette cioè con numero cromosomico 2n=14 oppure 28 oppure 42 . Si distinguono quindi:  Frumenti diploidi (2n=14, AA): Triticum monococcum (Piccolo farro)  Frumenti tetraploidi (2n=28, AABB): Triticum dicoccum (Farro) Triticum durum (Frumento duro) Triticum turgidum (Frumento turgido)  Frumenti esaploidi (2n= 42, AABBCC): Triticum spelta (Gran farro) Triticum aestivum (Frumento tenero) Un'altra classificazione può essere quella che distingue i frumenti vestiti (T.monococcum, T.dicoccum e T.spelta) da quelli nudi. I primi sono caratterizzati dalla facile disarticolazione del rachide che comporta la permanenza della cariosside all’interno della spighetta al momento della trebbiatura, coperta dalle glume e dalle glumelle, per la successiva utilizzazione richiedono quindi la pilatura con la quale si separano le cariossidi dalla pula. La prima specie a essere coltivata del genere Triticum fu T.monococcum nel Medio Oriente, le cui spighette non sono molto fertili poiché contengono una cariosside ciascuna (in alcuni casi sono sterili). 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agricoltura biologica
frumento
sostanza organica suolo
avvicendamento colturale
fertilizzanti organici
lavorazione minima

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi