Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Toscana: storia, evoluzione e l'effetto della crisi economica sul mercato turistico

Con la mia tesi ho voluto illustrare i diversi cambiamenti che hanno investito il settore turistico nel corso dell'ultimo decennio. In particolare, nella prima parte del mio elaborato, ho considerato il turismo italiano nel suo complesso e nella seconda parte ho descritto dettagliatamente il turismo della regione Toscana considerando gli anni 2000 - 2012, facendo un'analisi dell'andamento dei flussi turistici distinguendo il periodo di piena occupazione ed il periodo di crisi economica.Facendo un salto nel periodo odierno e considerando il fenomeno della globalizzazione in Italia e nel resto del mondo sono sorte moltissime forme di turismo, come ad esempio: il turismo termale - balneare, il turismo di massa, il turismo verde, il turismo alternativo, il turismo enogastronomico, il turismo d'affari, ecc. Oltre alla nascita di nuove forme di turismo, la globalizzazione ha contribuito anche al diffondersi di nuove tipologie di strutture ricettive adatte ad ogni fascia di clientela, ed inoltre, l'utilizzo inarrestabile di internet ha fatto nascere piattaforme di prenotazione on line per i cosiddetti "turisti fai da te".
Per quanto riguarda l'Italia nel suo complesso possiamo affermare che essa gode di un territorio assai variegato e particolare che offre diverse forme di turismo da quello delle città d'arte a quello balneare e montano; ma la regione italiana per eccellenza che gode delle più innovative tipologie di turismo è la Toscana. Proprio per questo motivo è la regione italiana che ho voluto analizzare nel dettaglio, poiché il suo vasto e variegato territorio mi ha permesso di effettuare un'analisi approfondita sia per tipologia di turismo sia per centri urbani polarizzati. La Toscana può essere divisa in sei aree turistiche principali: aree turistiche balneari, aree turistiche rurali, aree turistiche termali, aree turistiche d'arte, aree turistiche montane ed aree turistiche enogastronomiche. Il turismo della regione Toscana è un turismo stagionale che si estende nell'arco dell'intero anno poiché il suo territorio è caratterizzato da diverse forme di turismo ognuna della quali occupa un determinato periodo dell'anno. Altra caratteristica del turismo di questa regione è la forte diversificazione di strutture ricettive, passando da alloggi di lusso ad aree di sosta camper completamente attrezzate e definite nei minime dettagli. Proprio grazie alla sua vasta offerta ricettiva che la regione riesce ad attirare turisti di tutte le età e di tutte le specie, infatti la Toscana è caratterizzata sia da un turismo di lunga durata che dal cosiddetto turismo "mordi e fuggi".
Nel mio elaborato ho preferito suddividere la Toscana in diverse aree territoriali, tra cui abbiamo: l'area fiorentina che è caratterizzata da un turismo d'arte, l'area senese e delle colline del Chianti caratterizzata sia da un turismo d'arte che riguarda la città di Siena e sia da un turismo rurale, enogastronomico e termale che riguarda le sue colline, l'area dei poli urbani di Arezzo, Pistoia e Prato che sono considerati piccoli centri urbani d'arte in via di sviluppo, l'area di Livorno, Pisa, Lucca, Grosseto e Massa Carrara caratterizzata da tipologie di turismo urbano - d'arte e di turismo balneare - portuale, ed infine l'area della Versilia che è considerata il polo centrale del turismo balneare della Toscana.
Il turismo della regione Toscana è retto sia dal turismo nazionale che dal turismo straniero. La permanenza dei turisti nazionali è quasi sempre di breve durata ed è composta da quei turisti che cercano tranquillità e vogliono passare un weekend lontani dal caos delle città, oppure da quei turisti che vogliono visitare le bellezze e le caratteristiche delle città d'arte toscane. La permanenza dei turisti stranieri è quasi sempre di lunga durata, loro preferiscono visitare ogni minimo angolo della regione o della città, andando alla scoperta di tutte le bellezze artistico, culturali e gastronomiche.
La crisi economica e finanziaria che ha colpito l'intero globo dal 2007 ad oggi ha interessato la maggior parte dei settori da quello agricolo ed industriale a quello turistico. Per quanto riguarda l'Italia nel suo complesso, la crisi economica ha portato ad un forte calo delle presenze turistiche rispetto agli anni pre - crisi.
Stessa cosa non va detta per la regione Toscana, che ha risentito in maniera lieve l'impatto che la crisi economica ha avuto nel nostro Paese. Negli anni della crisi, il turismo toscano ha registrato un calo per quanto riguarda i vacanzieri nazionali, i quali prima avevano una permanenza più duratura mentre oggi hanno una permanenza di breve durata; a compensare il calo registrato dei turisti nazionali, c'è il turismo straniero che con la crisi ha subito il fenomeno inverso, ossia è in netto aumento rispetto agli anni precedenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Con la mia tesi ho voluto illustrare i diversi cambiamenti che hanno investito il settore turistico nel corso dell'ultimo decennio. In particolare, nella prima parte del mio elaborato, ho considerato il turismo italiano nel suo complesso e nella seconda parte ho descritto dettagliatamente il turismo della regione Toscana considerando gli anni 2000 - 2012, facendo un'analisi dell'andamento dei flussi turistici distinguendo il periodo di piena occupazione ed il periodo di crisi economica. Si inizia a parlare del fenomeno turistico intorno al XVII secolo con la nascita del Grand Tour che era un lungo viaggio nell'Europa continentale il quale inizialmente veniva praticato solo dalle famiglie nobili inglesi con lo scopo di accrescere le proprie conoscenze culturali. Facendo un salto nel periodo odierno e considerando il fenomeno della globalizzazione in Italia e nel resto del mondo sono sorte moltissime forme di turismo, come ad esempio: il turismo termale - balneare, il turismo di massa, il turismo verde, il turismo alternativo, il turismo enogastronomico, il turismo d'affari, ecc. Oltre alla nascita di nuove forme di turismo, la globalizzazione ha contribuito anche al diffondersi di nuove tipologie di strutture ricettive adatte ad ogni fascia di clientela, ed inoltre, l'utilizzo inarrestabile di internet ha fatto nascere piattaforme di prenotazione on line per i cosiddetti "turisti fai da te".

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Francesca Roselli Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 495 click dal 22/12/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.