Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nascita e sviluppo della Anglo-Persian Oil Company

Procedo cronologicamente dall'analisi della situazione politica internazionale del XIX, con special riguardo verso il Grande Gioco tra Russia Zarista e Gran Bretagna. Prendo in esame la situazione socio-politica ed economica iraniana a cavallo tra XIX e XX, con conseguente interesse verso il personaggio di William Knox D'Arcy. Analizzo quindi la figura di Winston Churchill e la pratica della conversione al petrolio voluta dalla Gran Bretagna, che porta alla nascita della Anglo-Persian Oil Company. Seguo lo sviluppo della compagnia e dei suoi azionisti, fino a giungere alla nazionalizzazione petrolifera iraniana voluta da Mohammad Mossadeq, nell'immediato Secondo Dopoguerra.

Mostra/Nascondi contenuto.
Nascita e sviluppo della Anglo-Persian Oil Company (1901-1946) 1. LA VENTURE PERSIANA (1901-1910) 1.1 LA SITUAZIONE PERSIANA TRA XIX E XX E IL “GRANDE GIOCO” La dinastia Qajar regnò sulla Persia dal 1781 al 1925. Il periodo Qajar, come i precedenti, continuò ad essere caratterizzato dall'essenziale divisione tra uno strato sociale composto da cortigiani, funzionari statali, leader tribali, notabili religiosi, proprietari terrieri e grandi mercanti, rappresentante l'alto rango della società, che inevitabilmente andava opponendosi alla stragrande maggioranza dei contadini, delle genti tribali, dei lavoratori in agricoltura, in industria tradizionale e servizi: persisteva la divisione tra Ølite e masse, ricchi e poveri, potenti e umili [1]. In termini di struttura economica di base, la Persia mostrava tutti i sintomi di un'economia arretrata: la predominanza delle attività agricole e legate alla terra nel sostentamento del Paese, reti stradali ed infrastrutture antiquate e limitate, un basso grado di urbanizzazione, ed un commercio interno ed esterno limitato, sebbene in aumento [2] . L'Ølite centrale era esente dalla tassazione, e spesso soggetto di benefici concessi dal potere centrale: tali compensi prendevano la forma di stipendi, pensioni e sussidi [3] . Così, ad esempio, il bilancio imperiale del 1888-1889, calcolabile in qerans 39,6 milioni, era così suddiviso: il 27% era destinato alla corte e all'harem dello Shah, e ai principi della famiglia reale; il 46% alle forze militari; il restante 27% ai funzionari burocrati e agli Olama [4] . Possiamo constatare come la percentuale destinata alla corte e allo Shah fosse estremamente alta e come i proventi derivanti dall'economia reale del Paese servissero, per la maggior parte, al benessere della Corte Centrale. 1: Ahmad Ashraf, The Qajar Class structure, <http://web.archive.org/web/19970121040839/http://www.iranian.com/Dec96/Iranica/Qajar/Qajar.html/>, 1996. 2: Charles Issawi, An Economic History of the Middle East and North Africa, 2005, pp. 26-27. 3: Ashraf, <http://web.archive.org/web/19970121040839/http://www.iranian.com/Dec96/Iranica/Qajar/Qajar.html/>, 1996. 4: Ibidem. 4

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Nicolò Cacciamano Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 141 click dal 18/12/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.