Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo di un metodo basato sulla spettrometria di massa per l'analisi di micotossine nel mais: ''early warning systems'' per la filiera maidicola del Veneto

L'obiettivo della tesi sperimentale è stato lo sviluppo di un metodo di analisi rapido ed affidabile per la determinazione di fumonisine nel mais, in supporto alla prevenzione e gestione del rischio correlato alla contaminazione da micotossine nella filiera maidicola Veneta. La determinazione analitica si è basata sulla cromatografia liquida accoppiata alla spettrometria di massa ad alta risoluzione. Sono stati analizzati 40 campioni provenienti da una campagna sperimentale gestita da Veneto Agricoltura per proporre un modello previsionale di gestione del rischio.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1) INTRODUZIONE 1.1 Micotossine: caratteristiche generali Le Micotossine sono metaboliti secondari, prodotte da alcune specie di funghi microscopici saprofiti in condizioni ideali di temperatura, umidità e pH (T = 20°C – 35°C, Acqua libera, aw = 0.85 – 0.99). Esse si sviluppano sia durante la fase di crescita in campo sia durante le fasi di trasporto e stoccaggio di diversi generi alimentari come cereali, grano, miglio, arachidi, pistacchi, mandorle, noci e mangimi per animali. Possono inoltre essere accumulate nelle carni e nel latte di animali che si cibano di alimenti contaminati. Sono composti tossici per gli animali superiori, prodotti da muffe che colonizzano gli alimenti. Le micotossine sono definite metaboliti secondari poiché non si ancora in grado di attribuire loro alcun ruolo evidente nella crescita dell'organismo che le produce. Mentre il metabolismo primario è fondamentalmente lo stesso per tutti gli esseri viventi, quello secondario dipende dalla specie e talvolta dal ceppo fungino, portando alla sintesi di composti specifici. Da ciò la grande diversità di molecole [1]. I funghi produttori che si trovano più frequentemente nei generi alimentari sono Aspergillus (Figura 1), Fusarium, Penicillium e Alternaria .

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Enrico Memo Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 502 click dal 21/01/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.