Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Emorragia e Shock: uso dell'indumento non pneumatico anti-shock nell'emergenza ostetrica

L'emorragia ostetrica grave rappresenta la principale causa di morte materna. Ciò è dovuto nella gran parte dei casi al ritardo nell'accesso ai servizi salva vita. L'utilizzo di strumenti efficaci nello stabilizzare il paziente fino all'ottenimento del trattamento definitivo possono salvare molte vite. Sono queste le premesse alla base dell'utilizzo dell'indumento non pneumatico anti-shock (NASG)

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Stato dell'arte a mortalità materna è un problema rilevante in tutto il mondo. La World Health Organization (WHO) stima che nel 2000 morirono circa 529 mila donne per cause ostetriche 1 . L’emorragia del post-partum, che colpisce approssimativamente 14 milioni di donne l’anno, ha causato più di un quarto di queste morti. La maggioranza di questi decessi avviene nei paesi poveri di Africa e Asia, specialmente nelle zone rurali. Una complicanza emorragica si registra nel 5-8% di tutte le gravidanze 2 . Ogni anno nel mondo 500.000 donne muoiono per problematiche correlate a gravidanza e parto, e in un quarto dei casi la causa è riconducibile a complicanze emorragiche del terzo stadio del travaglio di parto. L’emorragia ostetrica post-partum è la più comune delle emorragie ostetriche maggiori e rappresenta un’emergenza ostetrica che, nei paesi in via di sviluppo, ha tassi di mortalità di 1:1000-1:5000 parti 3 . Nei paesi industrializzati la situazione è sicuramente differente, tuttavia anche a queste latitudini rappresenta la terza causa di morte materna (dopo tromboembolismo e disordini ipertensivi), con 3-5 casi per milione di parti 4 . L'evento è raro ma certamente drammatico L 1 Pattinson R, Say L, Souza JP, Broek Nv, Rooney C; WHO Working Group on Maternal Mortality and Morbidity Classifications. WHO maternal death and near-miss classifications. Bull World Health Organ. 2009 Oct;87(10):734. 2 Zhang WH, Alexander S, Bouvier-Colle, Bouvier MH, Macfarlane A; The MOMS-B Group. Incidence of severe pre-eclampsia, post-partum haemorrhage as a surrogate marker for severe maternal morbidity in a European population-based study: The MOMS-B survery.BJOG 2005; 102:89-96. 3 UNICEF. Information by Country - Statistics - Women's Health. Accessed August 29, 2011 http://www.unicef.org/infobycountry/index.html; 2010. ultima consultazione 17 feb 2013 4 Watersone M, Bewley S, Wolfe C:Incidence and predictors of severe obstetric morbidity: case-control study BMJ 2001; 322:1089-93. I Illustrazione 1: Cause di morte materna. Fonte: Stime WHO 2012 su dati 2000–2010

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Mirco Balzan Contatta »

Composta da 78 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 542 click dal 21/01/2015.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.