Skip to content

Brutalità poliziesca ed uso eccessivo della forza: il lato oscuro del distintivo di polizia. Analisi storico-sociologica

Informazioni tesi

  Autore: Leonardo Paradiso
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche "Roberto Ruffilli"
  Corso: Scienze Criminologiche per l'Investigazione e la Sicurezza
  Relatore: Ugo Terracciano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

Con “brutalità poliziesca” si indicano generalmente contesti di violenza sia fisica che psicologica, repressione, abuso di potere, corruzione, violenze di matrice sessuale, uso eccessivo della forza, discriminazioni razziali ed altri comportamenti intimidatori, posti in essere dalle forze dell’ordine. L’utilizzo della forza fisica, per quanto “scomodo” è inscritto nella stessa costellazione cromosomica di un’istituzione pubblica, come quella delle forze dell’ordine, che assume come funzione biologica giustificante la sua medesima esistenza quella di assicurare e mantenere la sicurezza e il rispetto delle leggi per determinare pacifica convivenza per la popolazione di una società. Ciò sta ad indicare che l’ideale supremo di sicurezza, a determinate condizioni specifiche è destinato a sopraffare quello di integrità fisica e morale di determinati soggetti che mettono a rischio quella pacifica convivenza di cui sopra.Ma come spiegare se ad inficiare questo ameno ideale di pacifica coabitazione sono coloro che per ufficio sono tenuti al suo rispetto? Il confine tra un ruolo di controllore della legalità ed un ruolo di suo primo violatore è, purtroppo sempre più sottile e si assottiglia sempre più, paradossalmente in nome della “sicurezza” degli stessi cittadini che patiscono sulla propria pelle, ossa e sulle loro menti, i tragici sintomi di una società che esperisce oramai uno stadio avanzato e degenerativo della più triste delle malattie strutturali. Questa è la più orribile e spaventosa diagnosi sociale che potremmo fare: uno Stato che calpesta i diritti dei cittadini, talvolta fino a procurarne la morte. L’obiettivo di questa dissertazione è proprio quello di comprendere questo sottile confine tra legalità ed illegalità in un contesto tanto delicato quanto pericoloso come quello del lavoro di polizia. Scoprire, pertanto, come e perchè si manifesta un fenomeno di brutale uso della forza ingiustificata ed eccessiva da parte degli agenti di polizia ed, al tempo stesso inserirlo non solo in una solida cornice normativa ma anche cercare di comprendere quali possano essere le strategie più consone ad una sua prevenzione. Tutto ciò attraverso una metodologia descrittiva e compilativa di fatti di cronaca reale, attraverso il ricorso ai più eclatanti casi che hanno sconvolto l’opinione pubblica internazionale e di casa nostra. La posizione di questa dissertazione, in conclusione, è che l’unico modo per affrontare in maniera preventiva e repressiva questo fenomeno è quello di creare una nuova cultura di polizia, non più fondata sulla distanza con la comunità, su quella mentalità “Us vs Them” ma bensì fatta di reciproca conoscenza, comprensione e cooperazione tra le due realtà della sicurezza, ossia la polizia e la comunità. Quello che si vuole promuovere è che la “malapolizia” esiste : bombardati fisicamente o mediaticamente come lo siamo al giorno d’oggi, di cruente e sanguinose notizie riguardanti abusi di potere posti in essere dalle forze dell’ordine, non possiamo certo negarlo. Ciò, però, non può e non deve trarre in inganno e catalizzare unicamente sentimenti negativi d’odio, di terrore, di angoscia, di ribrezzo e di vendetta nei confronti di un’istituzione il cui obbligo e compito primo è quello di proteggere la cittadinanza, di salvaguardare la vita e la sicurezza di tutti noi e che, in questo contesto storico in cui viviamo, ha bisogno della cooperazione di ognuno di noi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE 1. Concetto di “brutalità poliziesca”. Gustave Baran, cameriere ed atleta, comunemente noto nel mondo dello sport agonistico come “Ciclone dell’East Side“, la notte del 22 Giugno 1893 fu arrestato per le strade di New York per aggressione a pubblico ufficiale. L’ufficiale in questione era John Hodge. Baran, il precedente 11 Giugno era stato violentemente colpito dal medesimo poliziotto attraverso l’uso di un manganello, fino al cagionamento di frattura di un braccio e lesioni multiple; e, come venne posto a verbale da parte del rappresentante delle forze dell’ordine statunitense, questa fu la motivazione che presumibilmente spinse Baran a colpire Hodge una volta intimatogli di dileguarsi la notte del 22 Giugno. Il caso finì in Tribunale, dove, una volta sentite le parti ed appurato il passato uso di violenza eccessiva nei suoi confronti, il giudice scagionò l’imputato. Quando il New York Times pubblicava un articolo riguardante il suddetto fatto di cronaca 1 , di certo era a conoscenza della grande attualità ed importanza di quella “piaga sociale” rappresentata dalle innumerevoli violenze di spropositato pleonasmo che affliggevano la società dell’epoca. Quel che probabilmente la celeberrima testata giornalistica americana non si aspettava, era di divenire il precursore di una nuova panoramica pubblica mondiale che punta i riflettori sui custodi della legalità con toni sempre più severi e riboccanti di incredula vergogna, alternata a dolore e inquietudine, in quanto per la prima volta nella storia adoperò un’espressione tristemente destinata a riempire le pagine della cronaca nera dell’intero pianeta anno dopo anno fino ai giorni odierni. Questa espressione è “brutalità poliziesca”. Con “brutalità poliziesca” si indicano generalmente contesti di violenza sia fisica che psicologica, repressione, abuso di potere, corruzione, violenze di matrice sessuale, uso eccessivo della forza, discriminazioni razziali ed altri comportamenti intimidatori, posti in essere dalle forze dell’ordine. L’utilizzo della forza fisica, per quanto “scomodo” è inscritto nella stessa costellazione cromosomica di un’istituzione pubblica, come quella delle forze dell’ordine, che assume come funzione biologica giustificante la sua medesima esistenza quella di assicurare e mantenere la sicurezza e il rispetto delle leggi per determinare pacifica convivenza per la popolazione di una società. Ciò sta ad indicare che l’ideale supremo di sicurezza, a determinate condizioni specifiche è 1 L’articolo in questione, pubblicato il 23 Giugno 1893 dal New York Times, è intitolato “Police officers in trouble. Charges against Policeman McManus by his sergeant”. L’articolo descrive due episodi di violenza eccessiva posta in essere da rappresentati delle forze di polizia: il caso dell’ufficiale Hodge e quello dell’ufficiale McManus, accusato di aver brutalmente aggredito Micheal Maher, tipografo di New York.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sicurezza
criminologia
polizia
brutalità
investigazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi