Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Interpretazione della devianza minorile e prevenzione

Il tentativo di comprendere quali siano le cause che spingono il minore a commettere un fatto di reato si dimostra molto arduo qualora si vogliano trovare risposte univoche.
La questione minorile rimane, argomento di discussione incessante e perenne.
Le analisi più recenti sulla delinquenza giovanile in Italia, hanno dimostrato come si sia verificato un aumento del fenomeno della criminalità minorile denunciato qualitativamente dal rilevante numero di reati collegabili o meno a fenomeni di criminalità organizzata.
Il recupero del minore che ha commesso il reato richiede una programmazione molto personalizzata d’interventi che vedono impegnato e interagenti varie figure ovvero lo stesso minore, la famiglia, l’ambiente in cui vive, la scuola, il lavoro.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La delinquenza non è né una disposizione innata, né qualcosa che il minore abbia escogitato da solo; che i giovani apprendano la delinquenza divenendo membri di gruppi in cui la condotta delinquente si è già istituita. Per divenire delinquente, il ragazzo non ha bisogno di particolari inclinazioni o difetti di personalità o d’intelligenza. Il delinquente differisce dal non delinquente perché presenta frustrazioni, privazioni, incertezze, angosce, sentimenti di colpa o conflitti mentali di generi o grado diversi da quelli dei ragazzi non delinquenti che sicuramente sono meno risentiti, meno aggressivi e che hanno avuto molto di più dalla vita. Comprendere le radici dell’aggressività significa capire il gesto violento, cercando di entrare nel mondo soggettivo della persona che ha commesso quel gesto. È questo il primo passo verso la cura dei ragazzi violenti: cercare di capire, a differenza di come spesso erroneamente si crede, non vuol dire discolpare. In definitiva, nei ragazzi violenti è molto facile che un temperamento predisponente si associ a un comportamento genitoriale coercitivo, ruvido e incosciente, che trasforma il tratto temperamentale in un disturbo stabile caratterizzato dal difetto di autocontrollo interno, dalla difficoltà a concepire le reazioni come stati mentali reciproci, e della facilità ad assumere comportamenti violenti dei figli. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Michelangelo Pastore Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15113 click dal 23/01/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.