Skip to content

Algoritmo quantitativo per la gestione di un portafoglio bilanciato flessibile e confronto con la concorrenza.

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Veneziano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Economia
  Corso: Management International Business e Finanza
  Relatore: Domenico Piatti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

Lo scopo principale di questo lavoro è quello di costruire due portafogli con l’obiettivo di gestire la liquidità sul mercato azionario e sul mercato monetario attraverso segnali operativi provenienti da indicatori di analisi tecnica. Successivamente si effettuano dei confronti con i migliori fondi bilanciati flessibili.

Nel primo capitolo vengono affrontati gli aspetti teorici dell’analisi tecnica classica, ponendo l’attenzione su concetti come trend, supporti e resistenze. Vengono analizzate le principali figure grafiche suddivise in figure di inversione e figure di continuazione e successivamente viene affrontata la teoria di Dow e la teoria di Elliott.

Nel secondo capitolo viene approfondita l’analisi tecnica da un punto di vista quantitativo. Vengono analizzati sei indicatori tecnici.
- Tre indicatori di tendenza utili a individuare il trend in atto ossia Medie mobili, Moving average convergence divergence e Parabolic sar,
- Tre indicatori di eccesso i quali riescono ad individuare situazioni di ipercomprato o ipervenduto sui mercati e sono Relative strength index, Stocastico e Commodity channel index.
Successivamente, ogni indicatore direzionale è stato combinato con un indicatore di eccesso, generando così nove simulazioni effettuate sullo Standard and Poor’s 500 e sull’Eurostoxx 50, utilizzando il software Metastock. Tali simulazioni vengono effettuate “in the sample”, dal 2002 al 2008.
Tutti e nove i test hanno generato rendimenti assoluti positivi su entrambi gli indici.

Il terzo capitolo inizia individuando la coppia di indicatori che ha avuto la miglior performance in termini di rendimento assoluto, ossia MACD e RSI. Essi rappresentano la base per la costruzione di due portafogli, ossia
- Portafoglio prudente.
- Portafoglio aggressivo, definito tale in quanto fa sovente ricorso alla leva finanziaria.
Anche in tal caso si è deciso di allocare le risorse sull’indice americano e sull’indice europeo, utilizzati dapprima nelle simulazioni, mentre per ciò che concerne il mercato monetario viene considerato il tasso ufficiale di rifinanziamento della BCE.
I due portafogli sono stati testati “out of the sample”, dal 2009 al 2013.
- Il portafoglio più prudente ha ottenuto una rendimento assoluto del 42,87%,.
- Il secondo portafoglio invece, ha realizzato una performance del 56,02%

Nell’ultimo capitolo si sono effettuati confronti tra i due portafogli realizzati e i migliori fondi bilanciati flessibili formando una classifica di 40 fondi.
Sui confronti effettuati dal 2011 al 2013 in termini di
- rendimenti annualizzati, entrambi i portafogli sono risultati i migliori rispetto alla concorrenza, dove al primo posto troviamo il portafoglio aggressivo.
- rischiosità, i portafogli si posizionano sulla parte bassa della classifica dato che hanno registrato una deviazione standard più alta rispetto alla media.
- indice di Sharpe, i risultati dei due portafogli sono soddisfacenti, dove il portafoglio prudente risulta nono nella classifica e il portafoglio aggressivo dodicesimo.

Nell’arco temporale compreso tra il 2009 e il 2013, i due portafogli sono stati confrontati con tre fondi che hanno ottenuto le migliori performance, sempre in termini di
- rendimenti annualizzati - Hypo portfolio selection Sicav Basic
- rischiosità - Ubi Pramerica alpha equity
- indice di Sharpe - Anima star Italia Alto potenziale A.
La miglior performance va al fondo di Anima Sgr per ciò che concerne la rischiosità -deviazione standard pari a 5,44 - e l’ indice di Sharpe con un valore di 1,27, mentre viene confermata nuovamente la miglior posizione nella classifica in termini di rendimento annualizzato del portafoglio aggressivo pari a 9,30%.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Lo scopo principale di questo lavoro è quello di costruire due portafogli con l’obiettivo di gestire la liquidità sul mercato azionario e sul mercato monetario attraverso segnali operativi provenienti da indicatori di analisi tecnica. Successivamente si effettuano dei confronti con i migliori fondi bilanciati flessibili. L’analisi tecnica rappresenta lo studio dei prezzi all’ interno dei mercati finanziari con lo scopo principale di prevederne le tendenze future attraverso diversi strumenti grafici e matematico-statistici. Nel primo capitolo vengono affrontati gli aspetti teorici dell’analisi tecnica classica, ponendo l’attenzione su concetti come trend, supporti e resistenze che, nonostante siano strumenti basilari e semplici da utilizzare, vengono tutt’oggi considerati come indispensabili per lo studio dei prezzi. Si analizzano le principali figure grafiche suddivise in figure di inversione e figure di continuazione e successivamente viene affrontata la teoria di Dow e la teoria di Elliott. Nel secondo capitolo viene approfondita l’analisi tecnica da un punto di vista quantitativo. Vengono analizzati sei indicatori tecnici tra i più importanti e più utilizzati ossia Medie mobili, Moving average convergence divergence, Parabolic Sar, Relative strength index, Stocastico e Commodity channel index. I primi tre vengono definiti indicatori di tendenza i quali aiutano a stabilire il trend in atto e i successivi tre definiti indicatori di eccesso i quali riescono ad individuare situazioni di ipercomprato o ipervenduto sui mercati. Ogni indicatore direzionale è stato combinato con un indicatore di eccesso, generando così nove simulazioni effettuate sullo Standard and Poor’s 500 e sull’ Euro stoxx 50, utilizzando il software Metastock. Tali simulazioni vengono effettuate “in the sample”, dal 2002 al 2008. Questi test sono stati effettuati programmando il software in modo tale che essi generassero esclusivamente segnali long e segnali di chiusura di tali posizioni e modellando i parametri degli indicatori al fine di ottenere un certo numero di operazioni in tutto l’ arco temporale considerato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi