Skip to content

Il reclamo

Informazioni tesi

  Autore: Camilla Natale
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Teramo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Rosita Del Coco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 136

L'elaborato esamina il principale strumento di tutela predisposto dall'Ordinamento penitenziario in favore dei diritti dei soggetti in vinculis. Dopo una breve descrizione dei principali diritti dei detenuti, sono analizzati singolarmente i principali procedimenti di reclamo previsti dall'Ordinamento penitenziario. L'ultimo capitolo, in particolare, è dedicato al nuovo istituto del reclamo giurisdizionale, introdotto dal decreto legge 146 del 2013, convertito nella legge 21 febbraio 2014 n. 10.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’accertamento definitivo della responsabilità penale o il semplice sospetto di colpevolezza in ordine ad una fattispecie di reato, sanzionata con una pena detentiva, non possono determinare il totale disconoscimento, nei confronti dei soggetti ristretti, di tutte le situazioni giuridiche soggettive di cui ciascun individuo è titolare in virtù della sua sola dimensione ontologica 1 , e a difesa delle quali, sono previste, a livello universale, forme di tutela giurisdizionale più o meno intense, ogni qual volta si prospetti una possibile violazione. Eppure, occorre constatare che il percorso attraverso il quale si è giunti a riconoscere universalmente, in capo al soggetto detenuto, imputato o condannato che sia, la titolarità di quei diritti garantiti dall’ordinamento interno e da quello internazionale come diritti inviolabili dell’essere umano non sia stato agevole né di breve durata. Invero, l’ingresso nel sistema carcerario comporta l’assoggettamento della persona a stringenti limiti e serrati controlli che, inevitabilmente, comprimono la sfera personale e privano l’individuo di facoltà e prerogative fondamentali per regioni proprie dell’esecuzione penale. Siffatta situazione è certamente foriera di concreti pericoli per la sopravvivenza e il pieno godimento dei diritti fondamentali della persona, primo fra tutti, il diritto al rispetto della dignità umana. Per tale ragione tanto il legislatore interno 2 , quanto quello internazionale 3 , sono stati indotti, seppur lentamente, a riconoscere nel soggetto in vinculis un soggetto debole, necessario destinatario di specifiche norme funzionali alla salvaguardia della conservazione di quella sfera personale sacra e inviolabile che non può e non deve subire incisioni ulteriori che non trovino una valida giustificazione in motivi di ordine e sicurezza e, non ultimo, nell’obiettivo primario di assicurare una regolare e proficua esecuzione della pena. Peraltro, se la pretesa punitiva dello Stato deve risultare fondata e legittima, altrettanto vale per quella esecutiva, teleologicamente orientata alla rieducazione del colpevole 4 , la quale, perciò, deve rispondere a canoni di legalità non meno rigidi e garantisti. 1 L’umanità [l’essere uomo] è essa stessa una dignità:l’uomo non può essere trattato dall’uomo (da un altro uomo o da se stesso) come un semplice mezzo ma sempre anche come fine. In ciò, appunto, consiste la sua dignità Così KANT I., In “Metafisica dei costumi”, 1797. 2 L. 26 luglio 1975 n. 354, c.d. Riforma dell’Ordinamento penitenziario. 3 A titolo esemplificativo: Convenzione europea dei diritti dell’Uomo, Trattato di Lisbona ecc. 4 Art. 27 Cost., comma 3:le pene devono tendere alla funzione del condannato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritti dei detenuti
reclamo giurisdizionale
principio rieducativo della pena
art. 35 bis o.p.
sentenza torreggiani
giudizio ottemperanza nel diritto penitenziario
sentenza n.26 del 1999
art. 35 ter o.p.
procedimento atipico di reclamo
tutela dei diritti dei detenuti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi