Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Principi per una buona Corporate Governance: il caso Australian Securities Exchange

Il lavoro di Tesi dopo aver fatto il punto sui Principi per la Corporate Governance internazionalmente riconosciuti, e dopo aver ricostruito il framework giuridico di riferimento, si è dedicato all'analisi e al confronto del Codice di Autodisciplina per le società quotate di Borsa Italiana e l'omologo Codice della Borsa Australiana "Principles and Recommendations"

Mostra/Nascondi contenuto.
17 1.1.1 I quattro aspetti della Corporate Governance che richiedono attenzione La Global Financial Crisis (GFC) iniziata nel 2007 negli Stati Uniti, e poi diffusasi in quasi tutti i paesi del Mondo, ha rivelato gravi carenze nel governo societario. E’ del tutto evidente che le norme esistenti non hanno fornito i controlli adeguati e i necessari contrappesi di cui le aziende avevano bisogno per coltivare delle sane pratiche commerciali. Nel 2008, l'OCSE ha lanciato un ambizioso piano d'azione per sviluppare una serie di raccomandazioni in grado di realizzare dei miglioramenti nei settori prioritari. Per questo motivo, nel 2009 è stato realizzato il report “Corporate Governance and the Financial Crisis: Key Findings and Main Messages”. 6 La relazione dello Steering Group affronta le quattro aree della corporate governance che, secondo l’Oecd, sono strettamente collegate alla nascita della crisi: 1. La retribuzione degli amministratori e il sistema degli incentivi; 2. Le procedure e gli standard per il Risk Management; 3. La performance dei CdA; 4. l'esercizio dei diritti da parte degli azionisti. Le raccomandazioni contenute nel report riguardavano anche l'attuazione e il miglioramento di norme già concordate. Per quanto riguarda il sistema di remunerazione, si ritiene che i manager abbiano avuto troppa influenza nello stabilire le condizioni e i livelli delle loro retribuzioni sulla base delle performance. In molti casi, il collegamento tra prestazione e retribuzione è stato molto debole o molto difficile da individuare. I sistemi di remunerazione degli amministratori sono stati troppo complicati e poco trasparenti. Inoltre, tendevano ad essere asimmetrici, con una limitata possibilità di veder diminuire le retribuzioni e i benefit in caso di peggioramento delle performance aziendali. La conseguenza è stata una eccessiva assunzione del rischio per l’impresa da parte del management di più alto livello. 6 Fonte: OECD “Corporate governance and the financial crisis”

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali

Autore: Vinicio Cimica Contatta »

Composta da 266 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 743 click dal 19/03/2015.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.