Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il pensiero sociologico di Alain Touraine

Globalizzazione
Lavoro
Mutamento sociale
Movimento operaio

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 Introduzione Non si può scegliere di immergersi completamente nel pensiero di un intellettuale dall’ingegno acuto come Alain Touraine senza porsi criticamente nei suoi confronti, e, nonostante tutto, mostrandosi ampiamente ricettivi verso gli insegnamenti e le interessanti lezioni di uno studioso che parte con un vantaggio: quello di essere totalmente immerso nella realtà in cui vive, sapendosi così bene storicizzare da ben realizzare un connubio, per molti versi fortunato, tra la sociologia e le altre scienze umane, senza l’interazione con le quali questa non avrebbe più ragione d’essere. Tutto ciò che passa sotto il mirino indagatore del sociologo viene da questi analizzato, riformulato, provato e rivoltato al fine di garantire un’aderenza alla realtà che sia la massima ottenibile, cosciente dei rischi che il ricercatore corre ogni volta che si accinge a mettere in causa una realtà che, a dispetto degli insegnamenti weberiani, è la “sua” realtà, ciò che egli vive, in cui egli si forma, da cui dipende il suo modo d’essere e le sue considerazioni su ciò che lo circonda. Vissuto in condizioni di separazione dalla realtà sociale della sua infanzia e della sua adolescenza, Alain Touraine, appartenente a una

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Maria Stefania Riso Contatta »

Composta da 257 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4824 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.