Skip to content

La potestà legislativa regionale nel settore delle comunicazioni elettroniche

Informazioni tesi

  Autore: Luisa Russo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Vincenzo Tondi della Mura
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

L’Italia è stata tra i primi paesi dell’Unione Europea ad aver recepito le quattro direttive Ce, del 2002, con le quali è stato introdotto il Codice delle comunicazioni elettroniche.Con l’emanazione del Codice delle comunicazioni elettroniche è stato adottato un nuovo quadro normativo nazionale che, oltre a recepire il pacchetto legislativo comunitario per il settore delle comunicazioni elettroniche, supera l’impostazione del vecchio Codice postale, in cui l’interesse collettivo veniva tutelato attraverso la riserva allo Stato delle attività di telecomunicazioni, esercitate in regime di concessione esclusiva da aziende pubbliche o da amministrazioni statali. In linea con il dettato comunitario, il Codice delle comunicazioni elettroniche tiene conto degli sviluppi tecnologici del settore e del processo di convergenza che ha interessato le tecnologie dell’informazione, dei media e delle telecomunicazioni nel corso degli ultimi anni, nonché del crescente grado di concorrenza riscontrabile nei vari mercati del settore.Proprio l’evoluzione tecnologica ha fornito lo strumento base per poter realizzare il passaggio da un sistema di monopolio delle telecomunicazioni, necessario per far fronte alla scarsezza economica e tecnologica che caratterizzava il settore nella sua fase iniziale, ad un sistema incentrato (o quanto meno tendente) al libero mercato. Mentre, la convergenza, la quale si sviluppa su tre aspetti fondamentali, quali sono la telefonia di terza generazione (UMTS), la banda larga e il digitale terrestre, ha prodotto due effetti: da un lato ha permesso la neutralità delle reti nelle quali passano varie forme di messaggi, d’altro lato, invece, accade che i vari messaggi confluiscono nella stessa rete. Di conseguenza, nasce una contrapposizione tra chi detiene la rete (l’operatore di rete) e chi trasmette il messaggio (cioè il fornitore di servizi e contenuti). Questo è un effetto importantissimo dal punto di vista dell’evoluzione normativa di tutto il quadro, in quanto il conseguente arricchimento della trasmissione dei dati sulle reti porta ad una scissione tra i due tipi di operatori (operatori di rete e fornitori di servizi).Per ciò che attiene, invece, al “diritto di accesso” delle reti, l’inquadramento costituzionale, sulle varie forme di comunicazione, porta ad una lettura del combinato disposto degli artt. 15 e 21 Cost. Questo complessivo fenomeno della convergenza porta ad un’altra conseguenza, determinante sul piano giuridico, che consistente nella progressiva contaminazione tra i principi del diritto delle telecomunicazioni, imperniato oggi sulla concorrenza e sulla libertà di mercato che nasce dalle direttive comunitarie, con i principi del diritto radiotelevisivo il quale incentrato sui contenuti e sul pluralismo, si ispira ad una logica di servizio pubblico, a cui deve rispondere anche il privato (la c.d. convergenza normativa). Il problema che la convergenza crea è la nascita di un diritto della “comunicazione convergente”, che in parte riprende i principi di mercato fondati sulla concorrenza propri delle telecomunicazioni, in parte deve riprendere le norme che tutelano il pluralismo rispetto ai contenuti nel settore radiotelevisivo. La difficoltà consiste nel trovare il punto di equilibrio tra concorrenza nei mercati e delle reti e pluralismo nei contenuti e nei messaggi. L’evoluzione tecnologica, che spinge sulla convergenza, spinge anche verso questa combinazione di principi diversi, che devono trovare per l’appunto un equilibrio.Tale Codice, pertanto, per la sua complessità, pone una serie di problematiche per ciò che concerne il sistema di ripartizione delle competenze legislative da attribuirsi ora allo Stato ora alle Regioni, alla luce delle recenti riforme costituzionali.Un sistema che risente di tensioni opposte che da una parte spingono verso la necessità di una disciplina uniforme, che possa garantire efficacemente una certa omogeneità su tutto il territorio nazionale, e dall’altra verso la necessità di garantire l’autonomia regionale e le relative funzioni spettanti alle Regioni stesse. Interprete di queste esigenze contrapposte risulta essere la sentenza della Corte Costituzionale n. 336/2005, nella quale le Regioni Toscana e Marche sostengono che alcune norme del Codice, in realtà, sono contrarie a quanto la Costituzione sancisce agli artt. 117 e 118 in materia di ripartizione delle competenze legislative tra Stato e Regioni.Le stesse asseriscono che, il Codice, nelle norme impugnate, dispone di una disciplina eccessivamente dettagliata ed autoapplicativa che non consentirebbe alcuno spazio per l’intervento legislativo delle Regioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L’Italia è stata tra i primi paesi dell’Unione Europea ad aver recepito le quattro direttive Ce, del 2002, con le quali è stato introdotto il Codice delle comunicazioni elettroniche (Decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 15 settembre 2003, n. 214). Con l’emanazione del Codice delle comunicazioni elettroniche è stato adottato un nuovo quadro normativo nazionale che, oltre a recepire il pacchetto legislativo comunitario per il settore delle comunicazioni elettroniche, supera l’impostazione del vecchio Codice postale, in cui l’interesse collettivo veniva tutelato attraverso la riserva allo Stato delle attività di telecomunicazioni, esercitate in regime di concessione esclusiva da aziende pubbliche o da amministrazioni statali. In particolare, con il nuovo Codice, sono state adottate le disposizioni attuative delle direttive comunitarie (Direttiva quadro, 2002/21/Ce; Direttiva sulle autorizzazioni, 2002/20/Ce; Direttiva accesso, 2002/19/Ce; Direttiva servizio universale, 2002/22/Ce) per il settore delle comunicazioni elettroniche. In linea con il dettato comunitario, il Codice delle comunicazioni elettroniche tiene conto degli sviluppi tecnologici del settore e del processo di convergenza che ha interessato le tecnologie

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

telecomunicazioni
stampa
regioni
comunicazioni
potestà
direttive comunitarie
elettroniche
comunicazioni elettroniche
potestà legislativa regionale
codice comunicazioni elettroniche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi