Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La politica estera della Turchia nei confronti delle nazioni turcofone della ex Unione Sovietica

Questo elaborato tratta argomenti provenienti da fonti bibliografiche tradizionali (libri, riviste specializzate, quotidiani), ma è anche frutto di ricerche effettuate "sul campo": colloqui con il Funzionario degli affari internazionali dell'Ambasciata turca a Roma e con il Capo ufficio del Ministero degli esteri italiano per l'area geografica di nostro interesse. L'obbiettivo è quello di esaminare l'argomento nel modo più equilibrato ed aggiornato possibile, verificando le diverse analisi affrontate da fonti italiane, ma anche turche, inglesi, americane, francesi, russe.
Nell'esposizione vengono analizzate:
- le radici storiche che uniscono la Turchia e le altre nazioni turcofone ex sovietiche, alla ricerca del sentimento ancestrale che unisce popoli discendenti da un unico ceppo etnico, con una lingua comune, ed il peso dell'antagonismo della Turchia con la Russia, elemento importante per le nazioni turcofone caucasiche e centro asiatiche
- la particolare disposizione geostrategica di un'area con estensione pari all'Europa occidentale, all'incrocio di rotte commerciali che comunicano con Asia ed Europa; l'influenza del modello sociale occidentale adottato in Turchia; la complementarità tra Europa e Turchia, in alternativa all'influenza russa od iraniana
- la configurazione socio-demografica della Turchia e delle nazioni turcofone, verificando le società attuali e la loro transizione verso il modello caratteristico dei paesi in via di sviluppo
- le immense potenzialità economiche (il petrolio kazako, il cotone uzbeko), che richiedono risorse finanziarie e tecnologiche per essere sfruttate intensivamente ed introdotte nei mercati mondiali. La Turchia, con progetti di cooperazione regionale e l'unione doganale con l'Europa, si pone in una posizione privilegiata per svolgere il ruolo di intermediario.
L'evoluzione politica interna della Turchia, tra filo-occidentalismo e filo-islamismo, la disgregazione delle vecchie identità, l'influenza del panturchismo come cultura comune dei popoli turcofoni, completano un quadro in costante evoluzione; sintomatico delle problematiche esistenti nel sistema mondiale anche ad altre latitudini.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 I N T R O D U Z I O N E Questo elaborato tratta argomenti provenienti da fonti bibliografiche tradizionali (libri, riviste specializzate, quotidiani), ma è anche frutto di ricerche effettuate "sul campo": colloqui con il Funzionario degli affari internazionali dell'Ambasciata turca a Roma e con il Capo ufficio del Ministero degli esteri italiano per l'area geografica di nostro interesse. L'obbiettivo è quello di esaminare l'argomento nel modo più equilibrato ed aggiornato possibile, verificando le diverse analisi affrontate da fonti italiane, ma anche turche, inglesi, americane, francesi, russe. Nell'esposizione vengono analizzate: - le radici storiche che uniscono la Turchia e le altre nazioni turcofone ex sovietiche, alla ricerca del sentimento ancestrale che unisce popoli discendenti da un unico ceppo etnico, con una lingua comune, ed il peso dell'antagonismo della Turchia con la Russia, elemento importante per le nazioni turcofone caucasiche e centro asiatiche - la particolare disposizione geostrategica di un'area con estensione pari all'Europa occidentale, all'incrocio di rotte commerciali che comunicano con Asia ed Europa; l'influenza del modello sociale occidentale adottato in Turchia; la

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Paolo Molinari Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4077 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.