Skip to content

Analisi comparativa del linguaggio informatico francese - inglese

Informazioni tesi

Autore: Emanuela Calderone
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2012-13
Università: Università degli Studi di Palermo
Facoltà: Lettere e Filosofia
Corso: Lingue e culture moderne
Relatore: FrancescoMadonia
Lingua: Italiano
Num. pagine: 78

La lingua francese è solitamente restia ad utilizzare termini provenienti da altre lingue, quindi per colmare certe lacune lessicali, "ripiega" su se stessa, creando nuove parole.
In questa tesi vengono descritti gli organi di controllo politico sulla lingua francese e le fasi del processo di creazione dei termini. Nello specifico, la tesi riguarda il lessico informatico.
Per affrontare questo vasto tema, la tesi parte dalla storia dei due Paesi, Francia e Inghilterra. Nel primo capitolo, infatti, si osserva la storia dei loro primi contatti: primi francesismi nella lingua inglese (a partire dalla conquista normanna dell'Inghilterra), e primi anglicismi nella lingua francese (fenomeno dell'anglomanie nel '900), fino ad arrivare al fenomeno del Franglais e all'analisi del pamphlet polemico "Parlez-vous franglais?" di René Etiemble.
Il secondo capitolo, invece, è una vera e propria rassegna dei termini francesi e inglesi del linguaggio informatico, analizzati per calchi, semicalchi, prestiti integrali e di ritorno.
I termini riguardano il lessico dell'hardware e del software, le parole più diffuse legate ad internet, e in particolare quelle inerenti ai più celebri social network.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L'oggetto preso in analisi nella presente tesi di laurea nasce dalla volontà e dall'interesse di approfondire le cause legate alla volontà di traduzione dei termini inglesi del settore informatico, diffusi a livello internazionale ma per lo più rifiutati in territorio francese. Il primo capitolo prende in esame i primi legami tra la lingua francese e la lingua inglese a partire dal loro primo contatto storico rappresentato dall'invasione normanna del 1066. Vengono allora descritti così i primi francesismi che vennero introdotti a quel tempo nella lingua inglese, quindi i primi anglicismi in quella francese, i quali raggiunsero l'apice nel secondo dopoguerra, e infine i rispettivi criteri di assimilazione. Per quanto riguarda il primo fenomeno si osservano in particolare i termini appartenenti al lessico feudale, dell'aristocrazia e della legge, ecclesiastico e dell'arte. Viene data anche una visione generale delle principali coppie sinonimiche e di alcuni falsi amici. Per quanto riguarda invece il pay- back, si analizzano i fenomeni storici che hanno portato alla cosiddetta anglomanie, offrendo così un panorama del contesto storico a partire dalla fine della Guerra dei Cent'anni, primo momento di distacco delle due culture, per arrivare all'illuminismo e al XVIII secolo, periodo in cui il fenomeno ebbe inizio. Nell'ultimo paragrafo del primo capitolo vengono analizzati il franglais e il sabir atlantique, ed esposte alcune riflessioni critiche sul pamphlet polemico di Renè Etiemble Parlez-vous franglais? grazie al quale si diffuse il termine e la conoscenza del fenomeno a livello mondiale. Il secondo capitolo analizza in un primo luogo gli organismi di controllo politico sulla lingua francese e il processo di traduzione con particolare riferimento alla Commissione generale di terminologia e neologia, alla Commissione Specializzata di Terminologia e di Neologia dell'Informatica e dei componenti elettronici (CSTIC), e infine all'Ufficio quebecchese della lingua francese; prende in un secondo momento in esame il lessico informatico vero e proprio offrendo una quanto più possibile accurata comparazione e analisi dei termini di tale dominio, i quali sono stati raggruppati secondo le varie categorie di calchi e prestiti linguistici, precedentemente descritte. Nello specifico vengono analizzati i

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

computer
informatica
inglese
francese
social network
franglais
lessico informatico francese
anglomanie
rené etiemble
ordinateur

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi