Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le donne non avvocate: il dibattito sull’accesso delle donne alla professione forense tra Otto e Novecento.

Sono trascorsi ormai novantacinque anni dall’entrata in vigore della legge del 1919, e quindi dall’accesso delle donne all’avvocatura - e centotrenta anni dalla sentenza della Corte d’appello di Torino sulla causa Poët - ed ormai la presenza delle avvocate nelle aule dei tribunali non è più motivo di curiosità né di diffidenza. Nell’elaborazione di questa ricerca si sono messe in luce le ragioni giuridiche addotte, dopo l’unità d’Italia, a favore o contro la rimozione di un divieto risalente nel tempo e da molti ormai considerato obsoleto, ed è emersa la difficoltà, anche di molti esponenti del mondo forense, a confrontarsi con una mentalità nuova ed una differente visione del ruolo e delle capacità femminili.
La vicenda delle donne avvocate passa necessariamente attraverso un tentativo di demolizione delle fondamenta della visione tradizionale della donna come “regina del focolare domestico”: appartenevano a questa visione l’istituto dell’autorizzazione maritale e le varie incapacità cui era soggetta la donna in quanto tale.
Al di là delle norme che espressamente stabilivano le regole sull’incapacità femminile, vi erano poi delle leggi che semplicemente su questo punto tacevano: non vi era nessuna norma che sancisse espressamente la regola dell’incapacità di accedere alle professioni forensi; la legge emanata dopo l’unificazione della penisola per regolare le professioni forensi (l. n. 1938/1874) non ammetteva né negava la possibilità di accesso delle donne all’avvocatura e tale silenzio poteva essere interpretato in due diversi modi. Da un lato vi era una visione che si aggrappava alla concezione “classica” di donna, la quale non aveva mai aspirato a professioni così elevate: il fatto che la donna non potesse desiderare di ricoprire tali ruoli, veniva semplicemente dato per scontato; si tratta della tesi sostenuta dalla giurisprudenza maggioritaria del tempo, e da una dottrina minoritaria, ma autorevole. Dall’altro vi era un tentativo di utilizzare il silenzio della legge in senso favorevole alle aspiranti avvocate: si sosteneva infatti che la legge professionale era stata emanata in un momento in cui le donne non avevano ancora ricevuto l’espressa ammissione ai corsi di laurea ; di conseguenza la legge professionale doveva essere, secondo questa visione, interpretata in modo diverso, perché nel frattempo le cose erano cambiate, ed anche le donne potevano conseguire una laurea in Giurisprudenza.
Con lo scoppio del caso Poët furono in tanti ad auspicare un’interpretazione evolutiva della legge da parte dei giudici , i quali avrebbero dovuto, secondo la loro visione, adattare la legge ai cambiamenti sociali che stavano avvenendo in quegli anni.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO PRIMO La condizione giuridica della donna in Italia tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento SOMMARIO: 1. Premesse – 2. Il diritto di famiglia negli Stati preunitari – 3. Le discussioni parlamentari e il progetto di Codice Civile presentato da Pisanelli nel 1863 – 4. Il diritto di famiglia e la donna nel Codice Civile italiano del 1865 – 4.1. Patria potestà. – 4.2. La donna sposata e l’autorizzazione maritale. – 4.3. L’art 135 del Codice Civile del 1865: i casi in cui viene meno la necessità dell’autorizzazione maritale. La donna mercante. – 5. La donna nel diritto pubblico – 5.1. La questione del voto femminile e la sentenza Mortara del 1906. 1. Premesse Gli anni a cavallo tra Ottocento e Novecento in Italia rappresentarono, per quanto concerne la condizione giuridica della donna, un periodo di transizione, in cui si ritrovavano forti influenze del passato, ma anche nuove spinte verso la modernità; si incontravano, cioè, forti tendenze conservatrici, attente a rispettare una tradizionale idea della donna come regina del focolare domestico, ma anche tendenze progressiste di alcuni sostenitori dell’emancipazione femminile; da queste ultime presero il via le prime idee volte ad allargare la condizione giuridica della donna e a riconoscerle i diritti civili e politici che fino a quel momento erano stati esclusiva prerogativa degli uomini. Uno dei più importanti autori che, in quel periodo, si dedicò all’argomento fu Carlo Francesco Gabba, autore della celebre opera Della condizione giuridica delle donne: studi e confronti, (prima edizione del 1861, rivista e aggiornata nel 1880). In essa l’autore

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Virginia Rascazzo Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 854 click dal 02/03/2015.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.