Skip to content

Le ICT nel contesto educativo italiano. Analisi di fattibilità dei processi di innovazione didattica.

Informazioni tesi

Autore: Silvia Furcas
Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
Anno: 2012-13
Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
Facoltà: Scienze della Formazione
Corso: FORMAZIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE
Relatore: Andrea Garavaglia
Lingua: Italiano
Num. pagine: 121

Lo sviluppo e la diffusione delle tecnologie informatiche viene esaminato dal punto di vista del contesto sociale, con un occhio di riguardo al mondo dei più giovani poiché il discorso si sposta ben presto sull'ambito squisitamente didattico: nel presente lavoro si indagano le implicazioni formative, psicologiche, organizzative-logistiche e finanziarie che derivano dall'introduzione delle tecnologie nelle aule italiane. Vengono presentati quattro casi documentati che evidenziano le influenze delle ICT nel contesto scolastico italiano da diversi punti di vista mentre un capitolo è dedicato all'analisi finanziaria del fenomeno. Si cerca di comprendere quali sono i reali costi di una digitalizzazione totale delle aule. Il discorso affronta anche le problematiche legate all'utilizzo di nuove metodologie didattiche capaci di integrare le nuove tecnologie nel contesto quotidiano e l'importanza del ruolo del docente, fulcro di questa rivoluzione digitale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Il presente lavoro è rivolto ad analizzare il fenomeno della diffusione delle Information Communication Technology nel contesto educativo italiano e le condizioni di sostenibilità dei processi innovativi avviati a favore. Le trasformazioni degli ultimi decenni avvenute nel campo della comunicazione e della tecnologia hanno rivoluzionato il modo di comunicare, accedere e condividere le conoscenze e le informazioni. Stante il forte legame tra questi aspetti socio-comunicativi e le metodologie didattiche che le scuole mettono in pratica, appare evidente che queste vanno riviste alla luce di tali trasformazioni che hanno una portata rivoluzionaria. Questa situazione, ancora in evoluzione nel territorio italiano (e in ritardo rispetto alle altre realtà dell’Unione Europea) pone nuove condizioni alla didattica e allo stesso tempo offre nuove possibilità. Introdurre le ICT nel contesto educativo scolastico non è solo una necessità della scuola che desidera rinnovarsi. E’ prima di tutto una responsabilità che deve assumersi nei confronti delle nuove generazioni che vanno educate verso un uso critico e riflessivo di tali strumenti. I più giovani sono coloro che hanno un contatto maggiore con questi strumenti, pertanto la scuola dovrebbe assumere il ruolo di mediatore tra i giovani e le ICT: deve offrire agli studenti gli strumenti critici e la capacità di analisi necessarie per utilizzare i nuovi media in maniera consapevole e giudiziosa. “Ci deve essere, allora, un modo per ripensare, valorizzare, il concetto di alfabetizzazione, e, senza minimizzare l’importanza di una scuola di massa che rappresenta, certo, la grande conquista degli ultimi decenni, rivedere alcuni capisaldi della nostra idea di formazione, ora che apparteniamo a un’epoca definita “della conoscenza”, che chiede cittadini pronti ad affrontare la complessità che il futuro sembra riservarci” (Anichini, 2012, p. xiii). Grazie ai progressi degli ultimi decenni nel campo dell’informatica e delle ICT la scuola può avvalersi di nuovi strumenti che, attraverso la tecnologia di Internet, possono permettere un apprendimento di tipo esperienziale, contrapposto alla classica trasmissione passiva delle conoscenze. Tale prospettiva ha le sue radici nei lavori d’inizio Novecento condotti da John

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi