Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le canzoni nei classici Disney: Analisi comparativa delle versioni originali e italiane

L'obiettivo che si propone il presente elaborato è la valutazione dei cambiamenti semantici, lessicali e sintattici subiti da parte dei testi delle canzoni dei film d'animazione Disney all'atto della loro trasposizione dalla lingua originale (inglese) alla lingua italiana.
All'interno delle produzioni disneyane, la musica ha da sempre rivestito un ruolo di primo piano ed è possibile affermare che, da parte dei Walt Disney Studios, vi è stato, nel corso dei decenni, un progressivo affinamento delle tecniche di animazione, reso possibile in buona parte dal contributo che la colonna sonora ha dato alla resa del ritmo di narrazione, così come alla caratterizzazione dei personaggi e alla creazione dell'atmosfera in cui le scene sono state ambientate. Tra l'altro, Walt Disney è stato un pioniere sotto questo punto di vista ed è da attribuire a lui ed ai suoi collaboratori il merito per aver introdotto il suono sincronizzato all'interno dei cortometraggi animati. Allo stesso modo, gli va riconosciuto il merito per la scelta di utilizzare, all'intero dei suoi cartoni, colonne sonore create ad hoc e non rifacimenti di brani della musica classica, come ad esempio è stato per lungo tempo per i cartoni della Warner Brothers. Walt Disney, grazie a cospicui investimenti sulle colonne sonore delle sue produzioni, è riuscito a conferire dignità all'animazione, estendendo la sua forma oltre quella iniziale dei cortometraggi (in bianco e nero prima e poi a colori), passando dal muto al sonoro, dal sonoro al sonoro sincronizzato, applicato successivamente anche ai lungometraggi animati, molto ambiziosi per l'epoca. I Classici Disney possono essere considerati la punta di diamante dell'intera produzione Disney ed è proprio in questi che è possibile constatare la varietà delle influenze e dei generi musicali impiegati, i quali vanno ben oltre i confini della musica pop statunitense.
Considerando il ruolo fondamentale rivestito dalla colonna sonora all'interno di un film, in particolar modo se si tratta di un film d'animazione ispirato al genere musical come buona parte dei Classici Disney, ci si interrogherà sulle motivazioni alla base della trasposizione delle loro colonne sonore in lingue diverse dall'originale. Ci si domanderà, inoltre, quali strategie traduttive adottare per il transfer linguistico-culturale di un testo multimodale come, appunto, il testo di una canzone.
Verranno analizzate le strategie traduttive e i criteri tecnici alla base di questo processo (in particolare il Pentathlon Principle di Low, 2005). Per far luce sulle caratteristiche dei film d'animazione Disney e sul ruolo di musica e canzoni al loro interno, sarà ripercorsa, sotto un'ottica volta a enfatizzare questo ultimo aspetto, la storia delle produzioni animate dei Walt Disney Studios dagli inizi ai giorni nostri.
Sulla base di tali informazioni e degli strumenti teorici reperiti, si procederà ad un'analisi comparativa, da un punto di vista tecnico, della trasposizione in lingua italiana delle versioni originali di alcuni celebri brani Disney presi ad esempio.
Ci si dedicherà, infine, ad una comparazione, da un punto di vista linguistico, delle versioni in lingua originale e in lingua italiana dei brani della colonna sonora di un recente film d'animazione Disney, The Princess and the Frog (2009).

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione L’obiettivo che si propone il presente elaborato è la valutazione dei cambiamenti semantici, lessicali e sintattici subiti da parte dei testi delle canzoni dei film d’animazione Disney all’atto della loro trasposizione dalla lingua originale (inglese) alla lingua italiana. All’interno delle produzioni disneyane, la musica ha da sempre rivestito un ruolo di primo piano ed è possibile affermare che, da parte dei Walt Disney Studios, vi è stato, nel corso dei decenni, un progressivo affinamento delle tecniche di animazione, reso possibile in buona parte dal contributo che la colonna sonora ha dato alla resa del ritmo di narrazione, così come alla caratterizzazione dei personaggi e alla creazione dell’atmosfera in cui le scene sono state ambientate. Tra l’altro, Walt Disney è stato un pioniere sotto questo punto di vista ed è da attribuire a lui ed ai suoi collaboratori il merito per aver introdotto il suono sincronizzato all’interno dei cortometraggi animati. Allo stesso modo, gli va riconosciuto il merito per la scelta di utilizzare, all’intero dei suoi cartoni, colonne sonore create ad hoc e non rifacimenti di brani della musica classica, come ad esempio è stato per lungo tempo per i cartoni della Warner Brothers. Walt Disney, grazie a cospicui investimenti sulle colonne sonore delle sue produzioni, è riuscito a conferire dignità all’animazione, estendendo la sua forma oltre quella iniziale dei cortometraggi (in bianco e nero prima e poi a colori), passando dal muto al sonoro, dal sonoro al sonoro sincronizzato, applicato successivamente anche ai lungometraggi animati, molto ambiziosi per l’epoca. I Classici Disney possono essere considerati la punta di diamante dell’intera produzione Disney ed è proprio in questi che è possibile constatare la varietà delle influenze e dei generi musicali impiegati, i quali vanno ben oltre i confini della musica pop statunitense.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luca Gilberto Villani Contatta »

Composta da 187 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3389 click dal 24/03/2015.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.