Skip to content

La volontà del volontario. Scegliere il volontariato al tempo della crisi economica nella provincia di Rimini

Informazioni tesi

  Autore: Simone Gabrlele Fiore
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Yuri Kazepov
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 176

Il lavoro parte dall'assunto che sia usuale oggi osservare un gran numero di cittadini impegnati in attività di volontariato, nonostante la "crisi economica". Si è cercato quindi di indagare quali siano le motivazioni che spingono un individuo alla scelta razionale di tale attività privilegiando i bisogni di terzi. Per fare ciò, dopo aver inquadrato il panorama storico-sociologico nel quale si sono sviluppati l'individuo postmoderno ed il volontariato, si è messa in atto una ricerca esplorativa, basata su mixed-methods quanti-qualitativi, che, opportunamente corretta da vizi sistematici e metodologici emersi, potrà fungere da base operativa per una più ampia e futura analisi.
Dopo aver individuato 3 associazioni che operano nella provincia di Rimini, sulla base di alcune loro peculiarità, si è proceduto in una prima fase (quantitativa) alla somministrazione ai volontari di 40 questionari con domande attinenti alle caratteristiche anagrafiche, biografiche e motivazionali. L'intenzione era di eseguire un campionamento, sulla base dei risultati ottenuti, per individuare i soggetti da intervistare e per ampliare i temi da indagare nelle interviste faccia-a-faccia. Nella seconda fase (qualitativa) sono state effettuate 11 interviste non strutturate ai volontari selezionati, toccando in parte i temi emersi dai risultati della sezione motivazionale del questionario e in parte i temi descritti nella panoramica analitica sul volontariato, oltre a registrare ciò che i soggetti hanno descritto di loro iniziativa.
A livello metodologico sono emersi alcuni vizi sistematici nella parte quantitativa, tra cui la parziale compilazione della sezione attinente alle motivazioni e la scarsa adesione alle interviste (richiesta al fondo del questionario stesso). Appare quindi necessaria, in questa fase, una modifica strutturale del questionario e la riduzione dell'eccessivo distacco tra l'osservatore e i volontari, ad esempio integrando l'indagine con alcuni focus-group. Il contatto tra osservatore e osservato, è invece risultato produttivo nelle interviste in profondità, permettendo di individuare tre idealtipi di volontari: volontario di "principio" (agire razionale orientato al valore, funzioni motivazionali other-oriented); volontario di "carriera" (agire razionale orientato allo scopo, funzioni motivazionali self-oriented); volontario di "necessità-virtù" (agire razionale orientato allo scopo e motivazioni self-oriented che diventano con il tempo orientate al valore e other-oriented). È emerso inoltre che: la scelta razionale compiuta dai volontari ha alla base motivazioni costituite da intrecci complessi che sono compresenti sia in natura strumentale che pro-sociale; le funzioni self-oriented si manifestano con maggior intensità e soddisfazione rispetto alle motivazioni other-oriented, in special modo nei "giovani" (mentre nei volontari più "anziani" parrebbe predominante la funzione valoriale); più che al concetto puro del dono altruistico e disinteressato, le azioni si possono apparentare al principio di reciprocità, fondata sul valore della solidarietà; si ha la creazione di una identità collettiva attraverso la valorizzazione dell'identità individuale. Si è osservata la creazione di nuove reti e di nuovi nodi di collegamento tra volontari e con gli utenti, con lo sviluppo per il volontario del capitale sociale. Il miglioramento della capacità relazionali e lo sviluppo del lato pro-sociale per alcuni volontari ha comportato un miglioramento delle condizioni di vita e la fuoriuscita dal precariato sociale. È stata sottolineata l'importanza della non retribuzione dell'attività, che si avvicina però al concetto di "gratuità imperfetta". Non vi è relazione diretta tra la crisi economica e la scelta di fare volontariato, se non in casi molto particolari (idealtipo di "necessità-virtu"): la propensione a cercare lavoro presso organizzazioni di volontariato si è diffusa anche a seguito della ricerca di operatori ad alta professionalità da parte delle associazioni. Emerge infine la sfiducia complessiva nei confronti del welfare state "classico", a favore dell'azione di solidarietà sociale delle organizzazioni di volontariato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L’idea di questa tesi nasce dall’osservazione dell’ambiente sociale che ci circonda quotidianamente: il peggioramento delle condizioni economiche nel paese Italia è sempre più percettibile e i mass-media ne fanno oggetto di discussione in ogni momento della giornata, enfatizzando gli allarmismi. L’economia reale è “sotto attacco” e le cause paiono difficilmente comprensibili all’ “uomo medio”; il welfare state è la prima vittima dei risparmi dello Stato; la disoccupazione risulta essere ai massimi storici, in particolare quella giovanile, e, come si suol dire, le famiglie “stentano ad arrivare alla fine del mese”. Nonostante questo scenario “apocalittico” non si può far finta di non vedere la presenza cospicua di cittadini comuni impegnati costantemente in ogni sorta di attività di volontariato. Numerose associazioni attive sui territori impegnano persone per conseguire il bene di un terzo soggetto. Tutto ciò con considerevole dispendio di energie e tempo, senza ottenerne guadagni economici. Le stesse associazioni, con i loro volontari, agiscono anche su più ambiti contemporaneamente: solidarietà internazionale, immigrazione, settore socio- assistenziale, sanità, cultura, formazione, ambiente, etc.. Alcune hanno tra le proprie finalità quella di approcciarsi ad una diversa visione dell’economia, al di fuori o parallelamente all’economia di mercato, inteso come lo “spazio occupato esclusivamente da agenti che sono motivati all’azione dal fine lucrativo” (Zamagni,2011: p.21). Il titolo, volutamente dissonante, vuole mettere in risalto il significato del sostantivo “volontario”, ovvero “chi di propria spontanea volontà accetta o decide di fare qualcosa”, così come l’aggettivo “volontario” intende “che nasce da un atto di volontà, che è liberamente e consapevolmente scelto, deciso, realizzato”, dal suo etimo latino v ol ē r e , corrispondente allo stesso verbo in lingua italiana (Cortellazzo,2004: p.1422). Da ciò parrebbe che il volontario sia quindi colui che mette in atto una scelta pienamente razionale, dotata di senso e indirizzata verso finalità bene precise. È evidente che gli individui/cittadini che si avvicinano alle associazioni di volontariato, per prestare la loro opera gratuita, lo fanno con grande senso di altruismo. È innegabile anche che tale attività favorisca il benessere fisico e psico-sociale di chi vi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

volontariato
questionario
rimini
ricerca esplorativa
mixed-methods
motivazioni al volontariato
solidarietà reciprocità gratuità dono fiducia
moderno postmoderno
ricerca quantitativa qualitativa
interviste non strutturate

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi