Skip to content

Il distretto Valpolicella come "strumento" di competizione per vini di qualità: il caso Amarone

Informazioni tesi

  Autore: Federico Beraldo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università Cà Foscari Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Commercio estero
  Relatore: Elena Rocco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

Lo scopo del mio elaborato è quello di cercare di capire e approfondire come funziona il settore vitivinicolo, che strategie adottano le aziende italiane e qual è il ruolo dei distretti produttivi nella filiera vinicola, passando ad analizzare un caso pratico di un vino d’alta gamma come l’Amarone del distretto della Valpolicella. Trattandosi di un vino le cui bottiglie sono vendute per l’80 % all’estero, ho deciso di focalizzare la mia tesi principalmente sull’interesse dell’internazionalizzazione delle stesse aziende produttrici toccando anche altri aspetti, non meno importanti, come quelli della concorrenza, dell’eventuale falsificazione dell’Amarone e della brand reputation. La ricerca delle informazioni avverrà, per lo più, mediante l’utilizzo di fonti primarie ovvero andando ad intervistare una delle figure chiave all’interno delle aziende vinicole presenti nella realtà del distretto Valpolicella: l’export manager. Il fine ultimo è quello di capire le strategie delle aziende che hanno permesso all’Amarone un tale successo all’estero in così poco tempo e come intendano mantenere questo risultato nel futuro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 INTRODUZIONE “Una bottiglia di vino contiene più filosofia di tutti i libri del mondo" diceva il noto microbiologo Louis Pasteur. Il vino ha vissuto e vive tutt'oggi un periodo di grande potere nel vecchio Continente, ogni bottiglia di vino racconta storie incredibili di luoghi, di famiglie e di persone che dedicano la loro vita per la ricerca di un prodotto sempre migliore. Molte volte la produzione vinicola è sinonimo di qualità e non di quantità come può essere per altri settori produttivi, questo perché il consumatore è affascinato dalla bottiglia che ha davanti, vuole scoprire sempre nuove emozioni ed è quindi un consumatore insaziabile, alla continua ricerca di un prodotto sempre migliore, un consumatore che prova piacere a condividere una bottiglia con altre persone per il piacere di confrontarsi e dialogare con parole, sensazioni e sguardi. Non a caso le occasioni speciali della vita di una persona o gli accordi stipulati tra due aziende vengono sempre accompagnate dal vino, consacrando così il suo ruolo di bevanda augurale. Quando si beve un bicchiere di vino si sente l’impronta personale del produttore, difatti il vignaiolo imprime al vino la propria cadenza; ogni bottiglia è differente l’una dall’altra, dal sapore all’odore le varie note non sono mai reciprocamente omogenee ed è questo che rende il vino una bevanda unica nel suo genere. Io credo che fare del vino non sia mai una cosa banale perché è come creare un’opera d’arte, in cui bisogna saper mettersi in gioco e bisogna anche correre il rischio di non venire compresi e di essere criticati come avviene ad un pittore ed il suo quadro o per uno scultore e la sua statua. “Il ciclo di vita del vino comprende giovinezza, maturità, vecchiaia e morte. Se non trattato con ragionevole rispetto si ammala e muore”. Ogni volta che assaggio un bicchiere di vino ricerco in quel poco liquido più cose di quante ne conosca, sono sempre alla ricerca dei colori che lo rappresentano, degli odori che lo caratterizzano e non ultimo del gusto che è in grado di imprimere al mio palato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

vino
export
wine
valpolicella
rosso
amarone
ripasso
consorzio valpolicella

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi