Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Per una critica della nozione di democrazia

Noi apparentemente siamo convinti di vivere in un sistema democratico, dal momento che non vediamo limitata la nostra libertà, ma in realtà esso è frutto di un inganno, poiché oltre ad esistere delle limitazioni indirette, come quella attuale del voto, esistono varie discriminazioni che fanno venire meno il principio di uguaglianza. Il mio pensiero è molto vicino a quello di Canfora che sostiene che oggi la democrazia è in crisi, perché è la libertà ad avere avuto la meglio, però non la libertà di tutti bensì solo di coloro che sono i più forti. Essa quindi appartiene al mondo dei ricchi.

Mostra/Nascondi contenuto.
COME NASCE E COME SI SVILUPPA LA DEMOCRAZIA DA CLISTENE A PERICLE Clistene apparteneva ad una delle famiglie più potenti di Atene e raggiunse la carica di arconte nel 507 - 508 a.C. Aveva come obiettivo quello di recidere i legami esistenti tra potere ed aristocrazia, attuando un cambiamento delle classi sociali sia a livello territoriale che politico . Venne definito il padre della 1 democrazia per i seguenti motivi: estese i diritti politici a quasi tutte le categorie sociali, ad eccezione di schiavi, meteci e donne; stabilì l’uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge (isonomia) garantì a tutti i cittadini l’isegoria, cioè la libertà di prendere la parola nelle assemblee . A livello territoriale 2 suddivise il popolo in dieci tribù ed ogni area fu divisa in trenta circoscrizioni, dieci intorno alla città, dieci lungo la costa e dieci nell’entroterra; le chiamò trittie e ne assegnò tre a ciascuna tribù. Lo scopo politico di questa riforma era quello di mescolare in una stessa tribù vari tipi di cittadini appartenenti a ceti e aree diversi. A livello politico apportò delle modifiche ai due organi più importanti della città: la bulè                                                          Cfr.  Mus,  Demokraa,  Origini  di  un’  idea ,  Roma-­‐Bari,  2013,  pag.  3 1                                                          Cfr.  Leone,  Popoli  e  culture ,  Milano,  2011,  pag.  206 2   4

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Viviana Kiriacopoulos Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7003 click dal 23/04/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.