Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'interrogatorio non formale

Il nostro ordinamento giuridico, ancora oggi, presenta e manifesta non poche incertezze in riferimento all’uso del sapere delle parti, specialmente da un punto di vista probatorio. A questo proposito, basti pensare che la legge non prevede la testimonianza della parte, escludendo in questo modo uno strumento più che efficace per risalire a questa tipologia di sapere; infatti, se il giudice potesse disporre di tale strumento, avrebbe la possibilità di venire a conoscenza dei fatti della causa, direttamente da chi ne è stato coinvolto in prima persona. Detto ciò, l’obiettivo della mia analisi è quello di andare a verificare se l’interrogatorio, nella sua veste non formale, possa essere considerato, ed inquadrato, come un altrettanto valido mezzo, sempre a disposizione del giudice, per entrare in possesso, e valutare liberamente, il sapere delle parti coinvolte in giudizio.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Vittorio Masi Pagina 1 INTRODUZIONE Il nostro ordinamento giuridico, ancora oggi, presenta e manifesta non poche incertezze in riferimento all’uso del sapere delle parti, specialmente da un punto di vista probatorio. A questo proposito, basti pensare che la legge non prevede la testimonianza della parte, escludendo in questo modo uno strumento più che efficace per risalire a questa tipologia di sapere; infatti, se il giudice potesse disporre di tale strumento, avrebbe la possibilità di venire a conoscenza dei fatti della causa, direttamente da chi ne è stato coinvolto in prima persona. Detto ciò, l’obiettivo della mia analisi è quello di andare a verificare se l’interrogatorio, nella sua veste non formale, possa essere considerato, ed inquadrato, come un altrettanto valido mezzo, sempre a disposizione del giudice, per entrare in possesso, e valutare liberamente, il sapere delle parti coinvolte in giudizio. Entrando nello specifico, il seguente elaborato si impegna a tale scopo attraverso cinque capitoli, ognuno dei quali verte su di una tematica ben precisa. Il primo capitolo è incentrato sulla natura dell’interrogatorio non formale, offrendo una panoramica sulla sua disciplina ed i sui processi di riforma. Nel secondo capitolo, invece, viene esposta una disamina inerente all’aspetto funzionale del suddetto istituto, con particolare attenzione riguardo sia alla funzione chiarificatrice sia a quella probatoria. Proseguendo, il terzo capitolo si sofferma su quelle che sono le varie tipologie, disciplinate nel nostro ordinamento, dell’interrogatorio non formale: trovano spazio, in questo modo, la richiesta congiunta ed il rito del lavoro. Venendo, così, al quarto capitolo, non poteva mancare l’enunciazione, e la relativa analisi, di quelli che sono i soggetti implicati in questo tipo di interpello, ossia il giudice, le parti ed i corrispettivi difensori. Infine, il quinto ed ultimo capitolo, che verte sulla figura degli argomenti di prova, si concentra sull’importante problematica riguardante sia la natura

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Vittorio Masi Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2531 click dal 05/03/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.