Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La simulazione del contratto

Tale dissertazione affronta la complessa e spinosa questione della Simulazione, fenomeno quanto mai discusso e problematico, sulla cui definizione ancora oggi il dibattito è molto accesso. Già in passato, ma ancora oggi lo strumento della Simulazione è risultato uno dei più utilizzati nell'ambito del Diritto Privato. Esso si identifica in un articolato meccanismo negoziale, una sorta di "escamotage", a cui ricorrono le parti del negozio, al solo fine di porre in essere, in modo assoluto o relativo, una realtà contrattuale che, per le più differenti ragioni, non vogliono palesare all'esterno. Per il fenomeno simulatorio l'ordinamento giuridico detta un'apposita disciplina, prevista agli articoli 1414 - 1417 del Codice Civile, con la specifica finalità di regolare i suoi effetti nei confronti delle parti, dei terzi e dei creditori.

Mostra/Nascondi contenuto.
VI INTRODUZIONE In questa dissertazione affronterò la complessa e spinosa questione della Simulazione, fenomeno quanto mai discusso e problematico, sulla cui definizione ancor oggi il dibattito è molto acceso. Già in passato, ma ancor oggi, lo strumento della Simulazione è risultato uno dei più utilizzati nell’ambito del Diritto Privato. Esso si identifica in un articolato meccanismo negoziale, una sorta di “escamotage”, a cui ricorrono le parti del negozio, al solo fine di porre in essere, in modo assoluto o relativo, una realtà contrattuale che, per le più differenti ragioni, esse parti non vogliono palesare all’esterno. La ragione per cui ho scelto di trattare quest’argomento risiede nell’interesse e nella curiosità di comprendere la natura del fenomeno e di rintracciare i meccanismi attraverso i quali riesce ad esplicare i suoi effetti. La finalità principale del mio lavoro sarà invece quella di riuscire a spiegare le modalità con cui la Simulazione fa “convivere situazioni soggettive, o forme di titolarità delle stesse, ontologicamente confliggenti l’una con l’altra; tutte destinate, sia pure in sfere distinte, alla operatività, nonché al confronto e al conflitto tra loro, senza che sia possibile escludere a priori la prevalenza dell’una o dell’altra” 1 . Il punto di partenza di questo percorso sarà la trattazione delle diverse teorie dottrinarie e giurisprudenziali che hanno interessato la Simulazione nel corso degli anni, allo scopo di ottenere una ricognizione storica del fenomeno e fornire un quadro quanto più esaustivo dell’evoluzione del pensiero a riguardo, così come è maturato nel tempo, considerando anche le soluzioni al problema prospettate nei diversi paesi europei che hanno affrontato la questione. 1 CIPRIANI, “La simulazione di effetti giuridici. Appunti sulla fattispecie”, in Di Raimo – Francesca – Nazzaro, Percorsi di diritto civile, Napoli, 2011.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Elena Taraschi Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1224 click dal 07/04/2015.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.