Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ethos e Discorso Politico: il caso di Silvio Berlusconi e di Nicolas Sarkozy

La mia tesi si concentra sulla discorso politico e cerca di mostrare alcuni meccanismi che sono tipici dei discorsi, particolarmente di quelli dei personaggi politici. L'analisi del discorso è utilissima per comprendere la personalità e le reali intenzioni degli oratori.
La tesi è fortemente attuale in quanto sono citati moltissimi personaggi della politica italiana (da Laura Boldrini a Umberto Bossi, da Emma Bonino a Giorgio Napolitano) e di quella francese.
La tesi termina con un'analisi di un discorso di Silvio Berlusconi e un discorso di Nicolas Sarkozy in due momenti di difficoltà reciproca.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE: -IL CONCETTO DI MASCHERA- Nella letteratura pirandelliana una delle tematiche più presenti è senza alcun dubbio quella della maschera. Questo concetto venne analizzato da Pirandello stesso nel suo saggio intitolato “L’Umorismo” e pubblicato nel 1908 1 . Lo scrittore paragonò l’arte umoristica a quella epica e tragica, concludendo che l’arte poetica della modernità possa fondarsi solamente sull’umorismo e non sul tragico o sul epico poiché le dicotomie tipiche del passato come bene/male, vero/falso, giusto/sbagliato su cui si basavano tragedia ed epica non esistono più. Nel tempo moderno, l’umorismo è l’unica forma d’arte possibile poiché sono venute a mancare tali categorie e poiché esso non propone né valori né eroi, ma solamente personaggi incapaci di agire nell’azione pratica. 2 L’arte umoristica evidenzia il contrasto tra la forma e la vita e tra personaggio e persona. L’uomo, per trovare un valore alla propria esistenza, ha bisogno di crearsi degli autoinganni e quindi organizza il proprio tempo e la propria esistenza seguendo ideologie, convenzioni, riti, istituzioni e ideali che hanno lo scopo di rafforzare in lui tale illusione. Secondo Pirandello, l’insieme di questi autoinganni costituisce la forma dell’esistenza che blocca la spinta delle pulsioni vitali, imprigiona e cristallizza l’uomo opponendosi alla vita. L’uomo imprigionato dalla morsa della forma non è più una persona integra, in grado di agire seguendo i propri desideri, le proprie pulsioni, ma una semplice maschera che recita ruoli diversi a seconda delle esigenze dettate dal momento (la parte di figlio, marito, amico, lavoratore, studente, collega..). Nell’arte umoristica non ci sono più eroi, ma tutti gli uomini sono solo delle maschere 3 che recitano senza interrompersi mai. I personaggi pirandelliani hanno quindi due scelte: l’incoscienza o la consapevolezza. Nel primo caso, si adeguano alla forma vivendo ipocritamente e passivamente; nel secondo caso, rifiutano gli obblighi imposti dalla forma allontanandosi da essa e vivono consapevolmente, ma rompendo le convenzioni della forma sono condannati ad escludersi e ad essere esclusi dalla società e dai propri cari venendo spesso scambiati per pazzi. 4 Patrick Charaudeau 5 riprese il concetto di maschera pirandelliana nell’introduzione al suo saggio “Le Discours Politique -Les Masques du Pouvoir-” 6 sostenendo che più 1 In realtà, l’elaborazione della poetica dell’umorismo cominciò quattro anni prima. Infatti, le due premesse iniziali, corrispondenti ai primi due capitoli del saggio stesso, risalgono al 1904. 2 “L’Umorismo”, Pirandello, 1908. 3 Maschere o personaggi sono sinonimi in Pirandello. 4 In realtà sono pochissimi i personaggi delle opere di Pirandello ad essere in grado di liberarsi dalle costrizioni della forma ed ad accettare la vita. Fra questi Vitangelo Moscarda, protagonista di “Uno, Nessuno e Centomila” venendo, però, considerato da tutti pazzo. 5 Linguista francese, esperto di analisi del discorso e attualmente professore emerito dell’università di Parigi 13, ricercatore al CNRS (Centre National de la Recherche Scientifique) e membro dell’INA (Institut National de l’Audiovisuel).

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Xavier Dondeynaz Contatta »

Composta da 32 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 430 click dal 29/04/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.