Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La capacità di regolare le emozioni. Una ricerca sul campo.

Un lavoro volto ad analizzare l'importanza delle emozioni in una società sempre più in preda ad una crisi axiologica, dove il ruolo degli adulti nel trasmettere valori saldi e principi forti viene quasi a mancare. Il lavoro analizza le emozioni, le principali teorie di riferimento, nonchè la loro nascita e il loro sviluppo nei primi mesi di vita dell'individuo, per poi incentrarsi sull'intelligenza emotiva, ossia la capacità di regolare le emozioni in relazione a tematiche rilevanti,quali il consumo alcolico, l'abuso di sostanza stupefacenti e la dipendenza da altre sostanze, come il fumo e il caffè, che possono creare una forte dipendenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione E’ possibile vivere senza emozioni? Si può riuscire a vivere con indifferenza a tutto ciò che accade attorno? La capacità di regolare le emozioni è posseduta da tutti? Questi sono solo alcuni quesiti ridondanti a cui si è cercato di rispondere nella presente ricerca, la quale si incentra sul tema delle emozioni e sulla loro regolazione. Tali interrogativi invitano a meditare sulla società attuale, sempre più nel pieno di una forte crisi identitaria ed esistenziale, e a trovare possibili soluzioni per un vivere il più armonioso possibile nel pieno rispetto dell’alterità. Il tema delle emozioni, in una società in cui segnali ammonitori di alienazione sociale e di disperazione individuale, che, se non controllati, potrebbero degenerare e lacerare il tessuto sociale, si rivela estremamente importante. Anche se la ricerca è stata condotta in una realtà di provincia essa non sembra essere esente da episodi che sono accomunabili, anche se in misura molto minore, con quelli che si verificano nelle grandi città. Comportamenti quali il consumo alcolico, il fumo, la dipendenza da sostanze stupefacenti sono per lo più connessi alla vita emotiva degli individui, i quali, dinanzi alle angosce e ai problemi quotidiani, cercano di sminuire tutto ricorrendo a queste pratiche, che sono molto dannose per il soggetto stesso, ma anche per la società in cui egli vive, in quanto, con il suo comportamento, mette a repentaglio i suoi rapporti interpersonali e le normali attività sociali. Saper stare con gli altri è la base da cui partire per riuscire a regolare le emozioni ed è sintomo del benessere psicofisico dell’individuo. In questo senso diventa rilevante far riferimento alle emozioni. Il tema delle emozioni è uno dei più ampi e dibattuti nei vari campi delle scienze umane, le quali hanno riconosciuto il ruolo dell’emozione, intendendola non solo come un impulso istintivo e una tendenza all’agire, ma anche come una componente plasmata dalla mente e dalla consapevolezza. Lo studio psicologico delle emozioni ha mostrato che esse favoriscono, piuttosto che ostacolare, le decisioni e le azioni degli individui, ma ha posto anche l’accento sulla loro intrinseca regolabilità. “Il vantaggio delle emozioni è che ci traviano”. Così affermava il celeberrimo scrittore irlandese Oscar Wilde, facendo capire che le emozioni sono una componente molto importante nella vita di ogni individuo ed emozioni molto forti possono cambiare la percezione della realtà in un attimo, poiché ci travolgono imperterrite, non lasciando nemmeno il tempo di rifletterci su il più delle volte. Bisogna saper regolare le emozioni e questa capacità deve essere instillata nei primi anni di vita dell’individuo, perché è proprio da lì che l’intelligenza emotiva viene plasmata,

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Serena Di Meo Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3718 click dal 21/04/2015.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.