Lo Sportello Unico per le Attività Produttive. La semplificazione del procedimento amministrativo

Il trattato si pone il fine di presentare, in un'ottica di diritto pubblico dell'economia, l'analisi del SUAP, istituto che si presenta come punta di diamante dell'azione semplificatoria che ha interessato e ancora interessa il settore pubblico italiano, alla luce dell'entrata in vigore del d.P.R. n. 160/2010. La tesi è così composta: analisi dei principi ispiratori, loro coordinamento ed influenze reciproche, analisi della normativa e della giurisprudenza, analisi della disciplina regolamentare. Risulta particolarmente rilevante per essersi posta l'obiettivo di completezza rispetto ad un istituto di raccordo e per il quale non esiste una copiosa bibliografia, nonché per un sottile sguardo critico che permea in particolare le conclusioni, pur restando nell'alveo di "neutralità" tipico del giurista.

Mostra/Nascondi contenuto.
Preliminare alla trattazione è la spiegazione della scelta operata dal candidato di incentrare la sua tesi sullo Sportello Unico delle Attività Produttive (c.d. SUAP) e - più in generale - di scegliere come ambito di studio il Diritto Pubblico dell’Economia. La risposta a quest’ultimo punto è di natura prospettica: il diritto ci è presentato come un sistema di blocchi a tenuta stagna, tra cui eccezionalmente si allunga qualche “ponte”, rappresentato da norme di collegamento e di rinvio tra le varie materie: così abbiamo la sensazione, sia per motivi di ordine espositivo, che per la tendenza (rectius deformazione) del giurista alla classificazione, che esistano diversi diritti: civile, penale, amministrativo e via dicendo. Il Diritto Pubblico dell’Economia invece presenta una visuale di insieme, trasversale a tutte le branche del diritto, lo sviscera e ne osserva l’essenza prima, caratterizzandosi “per il connotato eminentemente pratico e non teorico, per la funzionalità e non per l’elaborazione di concetti”( ). Il diritto torna allora 1 ad essere hominum causa constitutum e non solo materia rimessa agli studiosi, individuati come gli unici detentori della scienza giuridica, quasi come i pontefices romani del periodo monarchico-primo repubblicano. L’affermazione di un diritto come scienza è subito smentita dal fatto che, non a caso, le prime forme embrionali di diritto furono proprio collegate alla nascita della società umana, che per sopravvivere aveva bisogno di regole nei rapporti economici ( ): forme embrionali di diritto che prendono 2 R. CAPUNZO, Argomenti di diritto pubblico dell’economia, 2010 Giuffré, Milano. Ce n’è data 1 anche una definizione: “disciplina giuridica, che studia i mezzi e gli strumenti messi a disposizione dal diritto per l’intervento pubblico nell’economia. Si pensi all’operato degli agrimensori, funzionari dell’antico Egitto, civiltà che regolarizzò l’uso 2 delle acque attraverso un primordiale “catasto”.   2

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Michele Capriello Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 935 click dal 18/05/2015.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.