Skip to content

La Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea. Il principio di Uguaglianza.

Informazioni tesi

  Autore: Angela Mannara
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Angela Di Stasi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 129

La lenta affermazione dei diritti fondamentali dell'uomo nell'Unione Europea dai suoi albori sino all'approvazione ed alla proclamazione della Carta di Nizza-Strasburgo, è stato particolarmente travagliato. Gli stessi infatti non trovavano definizione alcuna all'interno dei testi istitutivi della Comunità economica europea e, pertanto, sono stati a lungo oggetto di tutela ad opera della Corte di Giustizia. Essa, attingendo alla Convenzione Europea dei diritti dell'uomo ed ai principi comuni alle Costituzioni degli Stati membri ha costruito negli anni il quadro dei diritti fondamentali riconosciuti a livello dell'Unione Europea, onde poter garantire maggiore solidità a quella comunità di intenti e di valori che era nelle intenzioni dei padri costituenti.
Il presente lavoro di tesi, senza alcuna pretesa di esaustività mira a ricostruire tale percorso, partendo dall'analisi giurisprudenziale del percorso evolutivo dei diritti fondamentali, analizzando poi la Carta di Nizza-Strasburgo con un'attenzione particolare al capo III della stessa dedicato all'uguaglianza.
In tale ottica, si è preferito dar spazio alle problematiche connesse al valore giuridico da attribuire alla Carta (prima e) dopo il Trattato di Lisbona del 2009 a seguito del quale la stessa è stata parificata al diritto primario dell'Unione Europea, alla tutela effettiva che ricevono i diritti in essa contenuti, nonché ai riflessi che le norme in materia di uguaglianza, cristallizzate nel capo III, hanno avuto sulla giurisprudenza nazionale italiana.
Il percorso dei diritti fondamentali dell'uomo a seguito della proclamazione della Carta di Nizza-Strasburgo e la ricerca di un compiuto significato all'interno della costruzione di uno spazio unico europeo, fatto di valori e principi comuni, lungi dall'esser giunto a conclusione con il Trattato di Lisbona, è ancora in divenire.
I risultati del presente lavoro di tesi mostrano chiaramente le difficoltà che si pongono tutt'oggi rispetto alla realizzazione di tale spazio nel quale i diritti fondamentali ed in particolare quello di uguaglianza, possano trovare una compiuta e piena realizzazione: gli stessi continuano infatti ad essere costantemente alla ricerca di un equilibrio fra le tendenze nazionalistiche degli Stati e la costruzione dell'Europa.
La Carta si colloca pertanto all'interno di una Unione Europea sicuramente distaccatasi da quella connotazione prevalentemente mercantilistica qual era all'inizio degli anni cinquanta, ma che è diventata una realtà complessa, con numerose e distinte competenze che dovrà essere in grado di assicurare una sempre maggiore tutela alla dignità ed ai diritti sociali, riconosciuti non più ai cittadini degli Stati membri, bensì ai cittadini europei.
I diritti di libertà ed uguaglianza in essa contenuti che devono oggi confrontarsi con una società costantemente in divenire, dovranno essere adeguatamente tutelati dal legislatore europeo e dai giudici, nazionali e non, che andranno a valutarne l'applicazione.
Le pronunce della giurisprudenza europea e nazionale che attribuiscono, nonostante le diatribe dottrinali, un rilievo sempre maggiore alla Carta di Nizza-Strasburgo, ne confermano l'immenso valore ad essa riconosciuto.
L'auspicio è sempre ovviamente che si giunga in tempi brevi e ragionevoli ad una diversa valorizzazione degli stessi, attraverso la loro collocazione all'interno di un testo costituzionale che costituisca guida e punto di riferimento per l'Europa, affinché attraverso il superamento definitivo dei nazionalismi degli Stati membri, si possa giungere alla costruzione di quello spazio unico europeo quale garanzia fondamentale per assicurare la pace e la libertà all'interno del vecchio continente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione. La lenta affermazione dei diritti fondamentali dell’uomo nell’Unione Europea dai suoi albori sino all’approvazione ed alla proclamazione della Carta di Nizza - Strasburgo, è stato particolarmente travagliato. Gli stessi infatti non trovavano definizione alcuna all’interno dei testi istitutivi della Comunità economica europea e, pertanto, sono stati a lungo oggetto di tutela ad opera della Corte di Giustizia. Essa, attingendo alla Convenzione Europea dei diritti dell’uomo ed ai principi comuni alle Costituzioni degli Stati membri ha costruito negli anni il quadro dei diritti fondamentali riconosciuti a livello dell’Unione Europea, onde poter garantire maggiore solidità a quella comunità di intenti e di valori che era nelle intenzioni dei padri costituenti. Il presente lavoro di tesi, senza alcuna pretesa di esaustività mira a ricostruire tale percorso, partendo dall’analisi giurisprudenziale del percorso evolutivo dei diritti fondamentali, analizzando poi la Carta di Nizza- Strasburgo con un’attenzione particolare al capo III della stessa dedicato all’uguaglianza. In tale ottica, si è preferito dar spazio alle problematiche connesse al valore giuridico da attribuire alla Carta (prima e) dopo il Trattato di Lisbona del 2009 a seguito del quale la stessa è stata parificata al diritto primario dell’Unione Europea, alla tutela effettiva che ricevono i diritti in essa contenuti, nonché ai riflessi che le norme in materia di uguaglianza, cristallizzate nel capo III, hanno avuto sulla giurisprudenza nazionale italiana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

unione europea
cedu
non discriminazione
carta di nizza
principio di uguaglianza
trattato di lisbona
carta dei diritti fondamentali dell'unione europea
art 20-21 carta di nizza
parità di trattamento
doppio binario di tutela

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi